Sei in: Home » Articoli

Riforma Giustizia: giudici amministrativi e contabili “uguali fra gli uguali”. Regime uniforme della responsabilità disciplinare

sentenza martello giustizia

Riportare sullo stesso piano il sistema della responsabilità disciplinare dei magistrati ordinari, amministrativi e contabili con un regime uniforme sia dal punto di vista procedurale che della tipologia di illeciti e delle relative sanzioni.

Sono questi gli obiettivi che stanno alla base del “petalo” numero 7 della “rosa” della riforma della giustizia. La “riforma del disciplinare delle magistrature speciali” rappresenta uno dei punti più importanti all'interno delle dodici linee guida su cui è strutturato l'intero pacchetto “giustizia” approvato in Consiglio dei Ministri il 29 agosto scorso.

Sino ad oggi, infatti, si legge nelle relazioni tecniche pubblicate sul sito del dicastero di via Arenula, mentre per i giudici ordinari il sistema di responsabilità disciplinare è compiutamente regolato dal d.lgs. n. 109/2006 che si occupa tassativamente degli illeciti e delle relative sanzioni, scandendo procedimento applicativo, organi e regole, per i giudici amministrativi e contabili il quadro disciplinare è “retto da regole frammentarie e farraginose”, con la conseguenza di procedimenti “assai poco efficaci”.

Urgente, pertanto, per l'esecutivo, una riforma che omologhi i quadri normativi e che agisca su due fronti.

Da un lato, stando al ddl, si procederà con l'immediata estensione alla magistratura speciale delle regole del dlgs n. 109/2006; dall'altro, si detteranno i principi di delega per riformare il procedimento, individuare gli organi titolari dell'azione disciplinare con la previsione di “regole snelle e tempi certi”.

Queste le intenzioni dell'esecutivo, ma bisognerà attendere gli esiti del percorso parlamentare per vedere le reali modifiche al sistema.


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/09/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF