Sei in: Home » Articoli

Cassazione: L'assegno divorzile può essere concesso anche senza specifica domanda del coniuge interessato

coppia divorzio

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione VI, sentenza n. 22568 del 2 ottobre 2013. In tema di divorzio, è legittima l'attribuzione alla ex dell'assegno divorzile, nonostante quest'ultima non ha mai formulato una specifica domanda in tal senso, essendosi limitata a chiedere il rigetto delle domande del marito e la riconferma dell'assegno di mantenimento riconosciutole nel corso del procedimento di separazione dei coniugi. E' il principio stabilito dalla Corte di Cassazione Civile, con sentenza 2 ottobre 2013, n. 22568.

Secondo il costante orientamento della Corte di legittimità, il giudice ha il potere-dovere di qualificare giuridicamente l'azione e di attribuire al rapporto dedotto in giudizio un "nomen juris" diverso da quello indicato dalle parti, purché non sostituisca la domanda proposta con una diversa, modificandone i fatti costitutivi o fondandosi su una realtà fattuale non dedotta e allegata in giudizio (si veda al riguardo, Cassaz. n. 13945, del 3 agosto 2012). Inoltre, l''esercizio di disporre indagini patrimoniali è meramente discrezionale e il giudice può decidere di non avvalersi della polizia tributaria, qualora ritenga che il quadro probatorio già acquisito sia sufficiente e completo e non necessiti di informazioni integrative (si veda, Cassaz. n. 2098 del 2011). Nel caso specifico trattato dalla Suprema Corte, per la determinazione in concreto dell'assegno si sono presi in considerazione e valutati diversi elementi: le condizioni economiche delle parti, le annualità di reddito risultanti dalle dichiarazioni fiscali, la durata del matrimonio e della convivenza coniugale e il maggior apporto della donna nella cura e nell'educazione dei figli, così come aveva già valutato la Corte d'Appello con congrua e adeguata motivazione, con giudizio non censurabile in sede di legittimità.

Vai al testo della sentenza 22568/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/10/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF