Sei in: Home » Articoli

Cassazione: L'assegno divorzile può essere concesso anche senza specifica domanda del coniuge interessato

coppia divorzio

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione VI, sentenza n. 22568 del 2 ottobre 2013. In tema di divorzio, è legittima l'attribuzione alla ex dell'assegno divorzile, nonostante quest'ultima non ha mai formulato una specifica domanda in tal senso, essendosi limitata a chiedere il rigetto delle domande del marito e la riconferma dell'assegno di mantenimento riconosciutole nel corso del procedimento di separazione dei coniugi. E' il principio stabilito dalla Corte di Cassazione Civile, con sentenza 2 ottobre 2013, n. 22568.

Secondo il costante orientamento della Corte di legittimità, il giudice ha il potere-dovere di qualificare giuridicamente l'azione e di attribuire al rapporto dedotto in giudizio un "nomen juris" diverso da quello indicato dalle parti, purché non sostituisca la domanda proposta con una diversa, modificandone i fatti costitutivi o fondandosi su una realtà fattuale non dedotta e allegata in giudizio (si veda al riguardo, Cassaz. n. 13945, del 3 agosto 2012). Inoltre, l''esercizio di disporre indagini patrimoniali è meramente discrezionale e il giudice può decidere di non avvalersi della polizia tributaria, qualora ritenga che il quadro probatorio già acquisito sia sufficiente e completo e non necessiti di informazioni integrative (si veda, Cassaz. n. 2098 del 2011). Nel caso specifico trattato dalla Suprema Corte, per la determinazione in concreto dell'assegno si sono presi in considerazione e valutati diversi elementi: le condizioni economiche delle parti, le annualità di reddito risultanti dalle dichiarazioni fiscali, la durata del matrimonio e della convivenza coniugale e il maggior apporto della donna nella cura e nell'educazione dei figli, così come aveva già valutato la Corte d'Appello con congrua e adeguata motivazione, con giudizio non censurabile in sede di legittimità.

Vai al testo della sentenza 22568/2013
(06/10/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF