Sei in: Home » Articoli

Commette reato di evasione il condannato detenuto ai domiciliari che passeggia sulle parti comuni

giudice sentenza cassazione plastilina
di Luana Tagliolini -
Il detenuto che è agli arresti domiciliari in una abitazione in condominio e decida di andare a fruire di un'ora d'aria nel cortile comune rischia, secondo i giudici di legittimità, di essere condannato per evasione ex art. 385 c.p.

Le pene previste si applicano infatti “anche all'imputato che essendo in stato di arresto nella propria abitazione o in altro luogo designato nel provvedimento se ne allontani, nonché al condannato ammesso a lavorare fuori dello stabilimento penale” (art. 385 cit.).

E' quanto emerge in una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione (Cass. sez. VI penale del 5 febbraio 2013 n. 7780) nella quale ha precisato che le aree condominiali in genere (ivi compresi androni del palazzo in cui è sita l' abitazione in cui è agli arresti il soggetto attivo) non possono essere considerate pertinenze delle abitazioni private  non costituendo né parte integrante né pertinenza esclusiva di esse.

Per configurare il reato di “evasione”, è necessario stabilire cosa si intende per “abitazione”.

Concetto che hanno ben chiarito i supremi giudici di legittimità, ribadendo che il concetto di abitazione, individuata come luogo dove deve rimanere agli arresti “deve correttamente intendersi come il luogo in cui la persona conduce la vita domestica e privata, con esclusione di ogni altra appartenenza, quali cortili, giardini, terrazze che non rappresentino sostanziali e formali pertinenze in senso civilistico dell'immobile in cui si è agli arresti domiciliari, ossia elementi integranti non solo caratteri di essenziale funzionalità dell'immobile ma di questo costituente staticamente elemento imprescindibilmente collegato in detto carattere di funzionalità alla cosa principale”.
Anche in altre pronunce la Corte (Cfr sentenza n.30983/2007 nella quale annullando una sentenza, precedentemente resa dai giudici di merito, che aveva assolto un uomo (agli arresti domiciliari) che, nel corso di un controllo della polizia giudiziaria, era stato trovato sulla terrazza del condominio. I giudici di merito avevano motivato l'assoluzione sostenendo che stazionare sulla terrazza condominiale non denota una volontà di sottrarsi al controllo stante anche la distanza limitata dalla propria abitazione) aveva precisato che il reato di evasione sussiste per "ogni allontanamento abusivo ancorché limitato nello spazio e nel tempo".

Commette dunque reato di evasione, ogni detenuto che, trovandosi in questa condizione, "se ne allontani anche per breve tempo, recandosi in luogo diverso da quello stabilito per l'esecuzione della misura alternativa”.

Non si richiede, infatti, per l'integrazione del reato, un allontanamento definitivo o la mancanza dell''animus revertendi'" ma  è necessario consentire "in pari tempo un agevole e pronto controllo all'autorità' di polizia sulla reperibilità degli imputati".

Insomma le parti comuni di un edificio in condominio (giardini, terrazze, cortili, scale, ecc.) non possono essere considerate pertinenze dell'abitazione e quindi il detenuto che varca tale soglia deve essere considerato evaso.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/04/2013 - Luana Tagliolini)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF