Sei in: Home » Articoli

Cassazione: va condannato per maltrattamenti il marito che impone alla moglie il saluto fascista

stalking donne
Giro di vite della Cassazione nei confronti dei mariti prevaricatori e violenti. Questa volta la Corte si è occupata del caso di un uomo che aveva l'abitudine di imporre alla moglie il saluto nazi-fascista. E non solo. Secondo quanto è emerso nel corso del giudizio, l'imputato costringeva la moglie ad uno stato di prostrazione tale da indurla spesso a rannicchiarsi in un angolo per paura di essere percossa o posseduta senza il suo volere.

Alla fine però la donna ha trovato il coraggio di presentare denuncia e il caso è finito nelle aule di giustizia dove lui riportava una condanna penale per maltrattamenti e violenza sessuale (avendo anche costretto la moglie a subire rapporti contro il suo volere).

Il caso poi finiva dinanzi ai giudici di Piazza Cavour e la Prima sezione penale della Corte (sentenza n.35805/2012) ha convalidato la sentenza di condanna impugnata.

Secondo la ricostruzione operata dalla Suprema Corte, quasi tutti i giorni il marito, rincasando "imponeva il saluto nazista e pretendeva che la donna si mettesse a terra e durante i rapporti contro il volere di lei si vantava di essere un 'maratoneta' perche' era capace di stare tanto tempo sopra di lei".

Vessazioni e violenze inqualificabili dunque, per le quali l'uomo e' stato condannato anche a risarcire la donna con una provvisionale di 80 mila euro.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/12/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF