Sei in: Home » Articoli

Cassazione: per decidere su convalida d'arresto giudice non può assumere 'ulteriori informazioni' rispetto a quelle contenute nel verbale di arresto

cassazione sentenza
Non si può decidere in merito alla convalida d'arresto acquisendo informazioni ulteriori rispetto a quelle contenute nel verbale di arresto.

E' quanto afferma la Corte di cassazione (sentenza n.45909/2012) che ha accolto il ricorso della Procura contro un provvedimento del Tribunale di Salerno che non aveva convalidato un arresto in flagranza di reato effettuato dalla polizia giudiziaria dopo aver sentito la persona offesa.

Nella fattispecie, il PM aveva sostento che nella decisione del Tribunale vi fosse stata "violazione ed erronea applicazione della legge penale" e che si fosse di fronte a una "abnormità del provvedimento con il quale il tribunale ha effettuato l'esame della persona offesa prima della convalida" ed ha "deciso in ordine alla convalida sulla base di tali dichiarazioni”. Secondo il P.M., inoltre, il giudizio doveva basarsi esclusivamente sugli atti esistenti nel fascicolo.

La Cassazione, ritenendo fondata la tesi del P.M. ha precisato che il giudice deve "compiere una valutazione diretta a stabilire la sussistenza del fumus commissi delicti, allo scopo di stabilire se l'indagato sia stato privato della libertà in presenza della flagranza di uno dei reati previsti dagli articoli 380 e 381 del Cpp”.

In questa fase, il giudice deve esclusivamente verificare il "ragionevole e legittimo uso dei poteri discrezionali della polizia giudiziaria" e non può acquisire ulteriori informazioni "oltre a quelle che risultano dal verbale di arresto, dalle dichiarazioni della persona arrestata e dai documenti prodotti dalle parti, essendogli sicuramente precluso di disporre l'audizione di testimoni”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/11/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF