Sei in: Home » Articoli

Separazione: Cassazione, è competente il giudice dell'ultima residenza della coppia anche se c'è stato abbandono del tetto coniugale

separazione
Con la sentenza n. 17382 dell'11 ottobre 2012, la Corte di Cassazione ha affermato che in caso di separazione dei coniugi, la competenza spetta al giudice del luogo dell'ultima residenza comune anche in caso di abbandono del tetto coniugale. Con questa precisazione la sesta sezione civile ha respinto il ricorso contro un'ordinanza del tribunale di Ravenna che aveva indicato il tribunale di Forlì come competente per un giudizio di separazione personale in virtù della disposizione contenuta nell'articolo 706 Cpc, come modificato dalla legge 80/2005, in cui si afferma che il tribunale territorialmente competente per la separazione personale dei coniugi va individuato in base al criterio prioritario del luogo di ultima residenza comune dei coniugi.

Nella fattispecie tale ultima residenza si trovava nel circondario del tribunale di Forlì, mentre il riferimento al luogo di residenza o domicilio del coniuge convenuto opera soltanto nell'ipotesi di insussistenza, “ab initio”, di una casa familiare comune.

Dunque, anche se c'è stato l'abbandono del “tetto coniugale”, nel caso specifico da parte della moglie, ciò non vuol dire che non vi sia una casa comune dei coniugi: per questo non può trovare applicazione il criterio del luogo di residenza o domicilio della parte convenuta, «in quanto il riferimento letterale alla mancanza “dell'ultima residenza comune dei coniugi”, contenuto nell'articolo 706 Cpc, non lascia dubbi sulla correttezza dell'interpretazione di tale norma recepita nel provvedimento impugnato».
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/11/2012 - Alba Mancini)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF