Sei in: Home » Articoli

Codacons: rincaro del 4,6% del carrello della spesa secondo dati Istat. Una stangata da 620 a 671 euro a famiglia

mercato consumi frutta crisi codacons
L'Istat ha divulgato nuove stime, secondo le quali il rincaro annuo del carrello della spesa, ovvero tutta quella serie di prodotti che le famiglie acquistano più frequentemente, si attesterebbe a 4,6%: si tratta del valore più alto registrato dall'ottobre del 2008. Secondo alcuni calcoli effettuati dal Codacons, il rincaro porterebbe una famiglia di 3 persone a spendere 620 euro in più su base annua per la comune spesa, mentre una famiglia di 4 persona dovrebbe convivere con un aggravio annuo di 671 euro. L'associazione fa notare che a motivo dell'entrata in vigore di nuove tasse integrate a seguito delle manovre dello scorso anno, le famiglie italiane non sarebbero in possesso di questi soldi in più da spendere: secondo il Codacons, inoltre, quello della crisi economica è un fenomeno che si potrebbe contrastare, poiché al contrario di quanto accaduto nel 2008, quando la recessione riguardava l'intera economia internazionale, la crisi del 2012 e il conseguente crollo dei consumi dipenderebbero esclusivamente dalla sola situazione italiana. L'associazione fa un quindi un nuovo appello al Governo e a Mario Monti affinché non venga aumentata l'IVA a fine anno, manovra definita “criminale”, e affinché lavori “sulle detrazioni fiscali che oggi vengono concesse tanto ai ricchi quanto ai poveri, permettendo di eludere il fisco solo a chi dichiara un reddito complessivo famigliare inferiore a 75.000 euro“.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/04/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF