Sei in: Home » Articoli

Cassazione: immobile ad uso commerciale ristrutturato senza consenso del locatore? Contratto risolto

cassazione id0
In materia di locazione immobiliare ad uso commerciale, con sentenza n. 1761, depositata l'8 febbraio 2012, la Corte di Cassazione ha stabilito che se l'immobile viene ristrutturato senza il consenso del locatore, il contratto è risolto. È questo il principio precisato dalla terza sezione civile del Palazzaccio che ha confermato quanto deciso dai giudici di merito che avevano dichiarato risolto il contratto di locazione di immobile ad uso commerciale per inadempimento colpevole del locatore che aveva effettuati lavori di notevole rilievo senza il consenso del proprietario, come previsto dal contratto. Nella parte motiva della sentenza, i giudici, hanno precisato che non si può disconoscere la gravità dell'inadempimento del conduttore che ha ristrutturato l'immobile commerciale senza il consenso del locatore, attesa la necessità del bilanciamento degli interessi che scaturisce dal combinato disposto degli articoli 1587 e 1590, di fronte alla rilevante dimensione quantitativa e qualitativa degli interventi realizzati. Inoltre, - hanno chiarito i giudici di legittimità - nei contratti che richiedono la forma scritta ad substantiam, la clausola contrattuale, che prevede una risoluzione ipso jure, può essere sì una clausola di stile, ma rientra comunque nell'autonomia delle parti, per cui deve essere provata la configurabilità di avvalersi della rinuncia, anche perché a seguito dei risultati emergenti dalle deposizioni testimoniali, risulta mancante la prova del preteso previa consenso orale prestato dal locatore ai lavori di ristrutturazione.
Ne consegue che una volta redatta per iscritto detta clausola, la relativa rinuncia può avvenire soltanto nella medesima forma.
Consulta testo sentenza n. 1761/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/03/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF