Sei in: Home » Articoli

Ministero del Lavoro: semplificazione ispezioni sul lavoro, Intesa con i Consulenti del Lavoro

lavoro lavoratore lavoratori cantiere casco sicurezza
In data 15 febbraio 2012 la Direzione Generale per l'Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha siglato un Protocollo d'Intesa con il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro in merito alla semplificazione dei tempi di verifica e di riscontro della documentazione nelle ispezioni sul lavoro. La finalità, si legge nel Protocollo che si compone di 5 articoli ed 1 allegato, è quella di identificare concordemente i documenti che sono già nella disponibilità degli Ispettori, in quanto presenti nelle banche dati a disposizione del Ministero del Lavoro e che, pertanto, non devono essere richiesti ai soggetti ispezionati.
Nell'allegato 1 vengono elencati i documenti in possesso dell'Ente competente da non richiedere alle aziende in corso di verifica ispettiva cioè i documenti di lavoro ritenuti necessari ai fini della verifica ispettiva, che devono essere acquisiti attraverso le banche dati a disposizione delle varie Amministrazioni. Tra i documenti che non dovranno più essere consegnati dalle aziende agli ispettori rientrano: le comunicazioni obbligatorie telematiche di instaurazione del rapporto di lavoro (Unilav, Uniurg), fatta eccezione per i lavoratori domestici; i prospetti informativi collocamento obbligatorio legge n. 68/1999; le denunce INAIL ex art. 12 del DPR n. 1124/1965; l'attribuzione della matricola INPS; le denunce aziendali e dichiarazioni trimestrali della mano d'opera occupata in agricoltura; il DURC; il certificato d'iscrizione CCIAA; i modd. Unico; 750; 760; 770/SA-SC; le informazioni relative ai modelli UNIEMENS dal 2010 in poi consultabili da Net-INPS; gli importi complessivamente versati tramite mod. F24; le informazioni relative ai modelli DM10 concernenti il personale dipendente, fatta eccezione per i dati relativi alle ultime 3 mensilità.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/02/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF