Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: tavolini del bar nell'area condominiale? Non è un utilizzo improrpio del bene comune

bar tavolini
Si possono collocare in un area condominiale i tavolini di un bar. Lo stabilisce la Cassazione. A patto però che quel tipo di utilizzo non si trasformi un un appropriazione in via esclusiva dell'area condominiale. È quanto emerge dalla sentenza (869, depositata il 23 gennaio 2012) con cui la Corte di Cassazione ha stabilito che se non c'è una vera e propria appropriazione dell'area, la revoca dell'autorizzazione concessa al titolare di un bar ad occupare una parte del cortile del condominio, con i tavolini, è illegittima se basata su generici motivi, come il presunto abuso del condominio. Se non viene alterata la destinazione dell'area condominiale, l'apposizione dei tavolini nella stessa è legittima.
Nella sentenza impugnata - scrive la Corte - "sono stati esposti i numerosi elementi che hanno indotto il Tribunale ad escludere che la collocazione dei tavolini in questione, per la limitatezza dello spazio e del tempo dell'occupazione, costituisca un uso improprio della cosa comune, tale da alterarne la destinazione o da menomarne la possibilità di fruizione da parte degli altri condomini; il che del resto – ha osservato ancora il Tribunale – neppure era stato dedotto dal condominio, il quale anche in giudizio non aveva spiegato le ragioni dell'adozione della deliberazione in questione. A questi argomenti il ricorrente null'altro ha opposto, se non la generica affermazione secondo cui si era trattato nella specie della “autonoma decisione di un condomino di accorpare in via esclusiva un'area comune per finalità esclusiva”, né ha mosso contestazioni di sorta circa l'esattezza di quanto sul punto si legge nella sentenza impugnata, sicché la doglianza in esame difetta del tutto del requisito della specificità. Il ricorso viene pertanto rigettato”. Con la stessa sentenza la Corte ha avuto poi modo di precisare che, (in riferimento al motivo di ricorso proposto dal condominio che aveva eccepito il difetto di legittimazione attiva del proprietario del locale, in quanto il locale era stato dato in locazione ad un terzo), "il potere di impugnare le deliberazioni condominiali compete, per il disposto dell'articolo 1137 Cc, ai titolari di diritti reali sulle singole unità immobiliari, salvo che nella particolare materia dei servizio di riscaldamento e di condizionamento dell'aria, per la quale la decisione e conseguentemente la facoltà di ricorrere al giudice sono attribuite ai conduttori.
Ne consegue che deve essere riconosciuta la legittimazione in capo al proprietario dei locali a impugnare la delibera che ordina la rimozione dei tavolini da bar dal cortile condominiale, dovendosi confermare la competenza in materia del giudice di pace in base all'articolo 7, terzo comma, n. 2 Cpc".
Consulta testo sentenza n. 869/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/02/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF