Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente chat su facebook per chi è ai domiciliari

facebook
Niente Chat su Facebook per chi è agli arresti domiciliari. Lo afferma la Corte di Cassazione spiegando che chi si trova sottoposto a quel regime detentivo ed abbia il divieto di comunicare con terzi, non può permettersi di chattare con i suoi amici sui social network. Non che si debba fare a meno del tutto di Internet, sia ben chiaro, ma per la Corte l'utilizzo della rete può essere fatto solo per ragioni meramente conoscitive e non per comunicare a distanza. Il chiarimento arriva dalla quarta sezione penale della corte che ha così confermato un provvedimento con il quale un detenuto agli arresti domiciliari si era visto sostituire i domiciliari con il carcere per l'accertata violazione del divieto di comunicare con persone diverse da quelle che abitano con lui o che lo assistono. Nel caso di specie peraltro il detenuto si era messo in collegamento con un suo coimputato. Inutile il ricorso per Cassazione dove il detenuto ha cercato di difendersi sostenendo che nel provvedimento che gli faceva divieto di comunicare con terzi non era stato specificato che il divieto fosse valido anche per le comunicazioni a distanza. La Corte di cassazione (sentenza n.n.4064/2012) ha respinto il ricorso confermando la precedente decisione del tribunale e confermando quindi che con la chat è stato effettivamente viuolato il divieto di comunicare con terzi.
(02/02/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Assegno sociale: è compatibile con la pensione di reversibilità?
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Vaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multaVaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multa
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Cassazione: Il giudizio di responsabilità del magistrato proposto dalla parte non integra motivo di ricusazione
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF