Sei in: Home » Articoli

Cassazione: procedura di mobilità e sospensione dell'obbligo di assunzione dei lavoratori disabili

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 10731/2011, ha affermato che è sospeso l'obbligo di assunzione di lavoratori disabili nei sei mesi successivi all'ultimo licenziamento per le aziende che abbiano avviato la procedura di mobilità. Infatti, come stabilito dall'articolo 3, comma 5, L. n. 68 del 1999, gli obblighi di assunzione obbligatoria sono sospesi, tra l'altro, per la durata della procedura di mobilità, e, nel caso in cui la procedura si concluda con almeno cinque licenziamenti, per il periodo in cui permane il diritto di precedenza all'assunzione previsto dall'articolo 8, comma 1, della stessa legge (un anno in base all'art. 15, L. 264/1949, successivamente ridotto a sei mesi dall'art. 6, D.Lgs. 297 del 2002). Nel caso di specie viene quindi respinta la domanda della lavoratrice disabile, volta all'assunzione, poichè l'avviamento della stessa era intervenuto durante la sospensione dell'obbligo, derivante dalla procedura di mobilità. Inoltre i giudici di legittimità ritengono che, nel caso di procedura di mobilità disciplinata dagli articoli 4 e 24 della L. n. 223 del 1991, non sussiste alcun limite territoriale, non essendovi alcun riferimento all'ambito provinciale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/05/2011 - L.S.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF