Vendita dei beni in comunione da parte di uno solo dei coniugi

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (sent. n. 4033/03) ha affermato che i beni in regime di comunione legale possono essere venduti da uno solo dei coniugi anche senza il consenso dell'altro. L'altro coniuge però, precisano i giudici di Piazza Cavour, può opporsi chiedendo la reintegrazione della comunione. Più precisamente, la sentenza chiarisce che la comunione legale tra i coniugi è una comunione senza quote, nella quale i coniugi sono titolari di un diritto avente ad oggetto i beni che ne fanno parte e dalla quale sono esclusi gli estranei.
Ne consegue che uno dei coniugi può disporre del bene anche senza il consenso dell'altro, ferma restando la possibilità, per quest'ultimo, di opporsi e di chiedere la reintegrazione della comunione, se si tratta di beni mobili, e di agire per l'annullamento dell'atto, se si tratta di atti dispositivi di beni immobili comuni.
(17/06/2003 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF