Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: è concussione dirottare le pazienti presso il proprio studio privato

Confermati gli arresti domiciliari per un medico che, speculando sulle tempistiche ospedaliere, spingeva all'aborto privato illegale

di Valeria Zeppilli – Dirottare delle pazienti presso il proprio studio medico privato, in alcuni casi, può integrare anche il reato di concussione.

Con la sentenza numero 1082/2017 qui sotto allegata la Corte di cassazione ha infatti ritenuto giustificati gli arresti domiciliari inflitti a un medico di una struttura pubblica che, speculando sui tempi di interruzione volontaria della gravidanza legale nell'ospedale presso cui operava, spingeva delle donne gravide che avevano interesse o necessità di abortire in tempi ristretti, a sottoporsi all'operazione presso il suo studio privato.

Il reato ipotizzato, per i giudici, è quello di concussione per abuso della qualità o dei poteri.

Si ricorda che la concussione è quel reato commesso dal pubblico ufficiale che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro od altra utilità (vai alla guida: "Il reato di concussione").

Nel caso di specie, la qualità pubblicistica del medico non può essere negata, dato che egli ha operato strumentalizzando la sua funzione apicale rispetto all'ambulatorio ospedaliero, senza che a nulla rilevi in senso contrario il fatto che l'aborto veniva poi praticato quale professionista privato.

Peraltro, il sanitario metteva le gestanti "con le spalle al muro" proponendo come unica alternativa all'aborto illegale il "disvelamento dello stato di gravidanza con conseguente compromissione del rapporto con il partner, di reazioni da parte dei parenti e/o di impossibilità di abortire nel termine legale di 90 giorni".

Corte di cassazione testo sentenza numero 1082/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/02/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF