Avvocatura

Cassazione: no allo stesso avvocato per le parti in conflitto di interessi

Lo stesso legale non può rappresentare più parti sia se il conflitto è attuale sia se è solo virtuale
litigano contesa corda

di Valeria Zeppilli – Se tra due o più parti sussiste un conflitto di interessi, esse non possono costituirsi in giudizio a mezzo di un medesimo avvocato, tantomeno conferendogli il mandato con un unico atto.

Ad averlo recentemente precisato è stata la sentenza numero 4313/2016, depositata dalla Corte di cassazione il 4 marzo (qui sotto allegata), con la quale i giudici hanno colto l'occasione di una disputa tra familiari in materia di eredità per fare accuratamente il punto sulla questione.

Con tale pronuncia, più nel dettaglio, la Corte ha chiarito che il principio sopra enunciato vale non solo nel caso in cui il conflitto di interessi sia attuale, ma anche quando esso si configuri come solo virtuale, ovverosia anche nel caso in cui esso sia insito solo potenzialmente nel rapporto tra le parti stesse.

I giudici hanno inoltre precisato che l'impedimento derivante dal conflitto di interessi si estende anche ai casi di simultaneus processus.

Del resto, gli avvocati non possono svolgere attività difensiva in contemporanea a favore di soggetti che siano portatori di istanze configgenti se non vogliono ledere il diritto di difesa e il principio del contraddittorio, valori costituzionalmente garantiti che, in quanto tali, permettono la rilevabilità anche di ufficio della predetta violazione.

Nel sancire ciò, la Corte di cassazione non ha comunque escluso che l'attualità del conflitto possa comunque venire meno. Tuttavia, l'effettivo superamento della contrapposizione tra gli interessi delle parti deve emergere dalle risultanze processuali.

Ciò, avviene, ad esempio, nel caso in cui una delle parti rinunci espressamente alle pretese configgenti con quelle dell'altra rappresentata dal medesimo procuratore.

Corte di cassazione testo sentenza numero 4313/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(05/03/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF