Avvocati: pensione solo se si esercita

Se il legale non comunica il reddito e il volume d'affari prodotto la Cassa forense può sindacare la continuità dell'esercizio della professione anche oltre il quinquennio
avvocato libri id10506 id12975
di Valeria Zeppilli – La sezione lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza numero 4092 del 2 marzo 2016 (qui sotto allegata), ha recentemente tentato di fare chiarezza circa i poteri che Cassa Forense ha nel valutare la sussistenza dei presupposti per l'attribuzione della pensione

Nel fare ciò, i giudici hanno innanzitutto ricordato che, ai sensi della legge numero 576/1980, la pensione di anzianità è corrisposta a coloro che abbiano maturato almeno 35 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense e che tale previsione va interpretata nel senso che l'iscrizione in tanto può ritenersi effettiva in quanto sia accompagnata dall'esercizio dell'attività professionale

Su tale necessaria premessa, la Cassazione ha chiarito entro quali limiti temporali la Cassa può verificare l'effettività dell'esercizio della professione, precisando che tale verifica non può andare oltre il quinquennio precedente la domanda di pensione solo nel caso in cui non è stata esercitata la facoltà di revisione e l'interessato abbia adempiuto agli obblighi di comunicazione.

Con la medesima pronuncia, i giudici hanno affrontato anche numerose altre tematiche di rilievo nei rapporti tra avvocati e Cassa, precisando tra le altre cose che, in via generale, sussiste un obbligo in capo all'ente previdenziale degli avvocati di verificare l'esistenza del requisito del legittimo esercizio della professione.

A tal fine la Cassa è munita di un autonomo potere di accertamento dei requisiti per l'iscrizione e, in assenza di essi, può anche procedere all'annullamento della posizione contributiva dell'iscritto. Ciò ovviamente senza compromettere in alcun modo lo status professionale dello stesso che, infatti, deriva dall'iscrizione all'albo.

Corte di cassazione testo sentenza numero 4092/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(06/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Le quote ereditarie nella successione legittima. Come dividere l'eredità in mancanza di testamento. Con tabella sintetica.
» Il reato di diffamazione - guida legale
» Separazioni e divorzi: arrivano le linee guida per l'assegno di mantenimento
» Figli a carico: arriva l'assegno universale di 150 euro al mese
» Serate musicali: bar e ristoranti non devono chiedere l’autorizzazione

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin