Sei in: Home » Articoli

Avvocati: per recuperare il compenso da un imprenditore occorre la negoziazione assistita

L'amministratore di fatto di una società non può essere considerato un consumatore se contratta nell'ambito lavorativo

di Valeria Zeppilli – Con un'ordinanza pubblicata il 2 ottobre 2015, il Tribunale di Verona ha statuito che se un avvocato (nel caso di specie penalista) vuole recuperare le somme che gli sono dovute da un imprenditore che ha assistito in giudizio, deve necessariamente tentare di esperire, in via preventiva, la procedura di negoziazione assistita

Si tratta di una pronuncia davvero interessante, in quanto è tra le prime ad intervenire in materia dopo il decreto legislativo numero 130 del 2015, con il quale è stata recepita in Italia la direttiva dell'Unione Europea in materia di a.d.r. per i consumatori. 

Nel caso di specie, infatti, la circostanza che il tentativo di risoluzione stragiudiziale della controversia sia stato giudicato come condizione di procedibilità della domanda deriva proprio dal fatto che l'imprenditore assistito dal legale insoddisfatto non può essere considerato un consumatore, nella nozione confermata dal predetto decreto.

La qualifica di consumatore, del resto, potrebbe semmai essere riconosciuta in capo all'amministratore di fatto di una società solo nel caso in cui l'obbligazione inevasa sia afferente a un contratto concluso da tale soggetto per esigenze di vita non ricomprese nell'ambito lavorativo.

Cosa non accaduta nel caso di specie.

La difesa dell'avvocato, infatti, era stata svolta in merito ad un occultamento di scritture contabili.

La procedura di negoziazione assistita va quindi esperita: il legale ha ora quindici giorni di tempo per formulare l'invito. 

Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(10/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF