Sei in: Home » Articoli

Licenziamenti: il termine per l'azione decorre dalla trasmissione dell'impugnazione scritta al datore di lavoro

Tale previsione è coerente sia con il testo di legge che con la finalità acceleratoria della norma
licenziamento

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 20068/2015 depositata il 7 ottobre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione si è confrontata con la spinosa e tormentata questione dei licenziamenti, questa volta statuendo circa la decorrenza dei termini per l'impugnazione giudiziale, da parte dei lavoratori, del recesso datoriale reputato illegittimo. 

In sostanza, con essa i giudici hanno chiarito che il termine di decadenza per procedere in via giudiziale avverso un licenziamento decorre dal momento in cui è trasmesso al datore di lavoro l'atto scritto di impugnazione e non dal momento in cui quest'ultimo lo riceve e l'impugnazione si perfeziona.

Oggi, infatti, l'impugnazione del licenziamento si estrinseca in una fattispecie a formazione progressiva, assoggettata a due termini decadenziali distinti e successivi, interamente rimessi al controllo dell'impugnante.

Per la Corte, il fatto che il lavoratore debba attivarsi con il ricorso giudiziale indipendentemente da quale sia il momento perfezionativo della prima impugnazione è coerente sia con il testo di legge che con la finalità acceleratoria in funzione della quale tale doppio termine è stato dapprima introdotto e recentemente modificato.

Tale circostanza non può, quindi, reputarsi in alcun modo lesiva del diritto di difesa del lavoratore: essa, piuttosto, lo avvantaggia permettendogli di individuare con precisione il termine iniziale di decorrenza per l'instaurazione del giudizio.

Niente da fare quindi per il ricorrente, che si trova ora costretto a restituire al datore di lavoro quanto ricevuto in esecuzione del provvedimento conclusivo della fase sommaria. 


Corte di cassazione testo sentenza numero 20068/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF