Diritto del lavoro

Licenziamenti: il termine per l'azione decorre dalla trasmissione dell'impugnazione scritta al datore di lavoro

Tale previsione è coerente sia con il testo di legge che con la finalità acceleratoria della norma
licenziamento

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 20068/2015 depositata il 7 ottobre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione si è confrontata con la spinosa e tormentata questione dei licenziamenti, questa volta statuendo circa la decorrenza dei termini per l'impugnazione giudiziale, da parte dei lavoratori, del recesso datoriale reputato illegittimo. 

In sostanza, con essa i giudici hanno chiarito che il termine di decadenza per procedere in via giudiziale avverso un licenziamento decorre dal momento in cui è trasmesso al datore di lavoro l'atto scritto di impugnazione e non dal momento in cui quest'ultimo lo riceve e l'impugnazione si perfeziona.

Oggi, infatti, l'impugnazione del licenziamento si estrinseca in una fattispecie a formazione progressiva, assoggettata a due termini decadenziali distinti e successivi, interamente rimessi al controllo dell'impugnante.

Per la Corte, il fatto che il lavoratore debba attivarsi con il ricorso giudiziale indipendentemente da quale sia il momento perfezionativo della prima impugnazione è coerente sia con il testo di legge che con la finalità acceleratoria in funzione della quale tale doppio termine è stato dapprima introdotto e recentemente modificato.

Tale circostanza non può, quindi, reputarsi in alcun modo lesiva del diritto di difesa del lavoratore: essa, piuttosto, lo avvantaggia permettendogli di individuare con precisione il termine iniziale di decorrenza per l'instaurazione del giudizio.

Niente da fare quindi per il ricorrente, che si trova ora costretto a restituire al datore di lavoro quanto ricevuto in esecuzione del provvedimento conclusivo della fase sommaria. 


Corte di cassazione testo sentenza numero 20068/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(09/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF