Sei in: Home » Articoli

La ex moglie non perde il diritto all'assegno divorzile se svolge lavori saltuari

Secondo la Cassazione, bisogna tener conto dell'età e delle condizioni di salute della donna, alla quale si presume anche assegnata la casa coniugale
divorzio mantenimento separazione
di Lucia Izzo - Legittimo l'assegno di divorzio riconosciuto dal giudice nei confronti dell'ex moglie, senza escludere alla donna la possibilità di svolgere una limitata attività, con redditi modesti e saltuari. 

Lo precisa la Corte di Cassazione nella recente ordinanza n. 19780/2015 (qui sotto allegata), rigettando il ricorso dell'ex marito teso a ottenere l'annullamento delle statuizioni dei giudici di merito che avevano determinato per la moglie un assegno divorzile pari a 300,00 euro mensili. 

Gli Ermellini precisano che il consolidato orientamento giurisprudenziale ritiene che l'assegno per il coniuge debba tendere al mantenimento del tenore di vita da questo goduto durante la convivenza matrimoniale, anche se indice di tale tenore di vita possa essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra coniugi. 
Il regime della separazione è autonomo rispetto a quello del divorzio, specialmente, come nel caso di specie, quando i coniugi si separano consensualmente e le relative clausole sono espressione della loro libera volontà. 

Adeguata e non illogica la determinazione effettuata dai giudici a quo che avevano esaminato la situazione economica delle parti ravvisandovi una disparità a vantaggio nel marito. 
La sentenza impugnata non esclude che l'ex moglie possa svolgere una seppur limitata attività con redditi modesti e saltuari, tenuto conto dell'eta e delle condizioni di salute. 

Per quanto riguarda il godimento della casa familiare, si ritiene che spetti alla donna, altrimenti i giudici di merito avrebbero calcolato la misura dell'assegno tenendo conto di un importo sicuramente più elevato. 
Rigettato il ricorso, il ricorrente è tenuto al pagamento delle spese processuali. 
Cass. civ., ordinanza 19780/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/10/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF