Sei in: Home » Articoli

Scuola: addio agli albi per i diplomati. Per la professione serve la laurea

I chiarimenti del Miur. In allegato la circolare
scuola docenti insegnanti studenti

di Marina Crisafi – Periti, geometri, interpreti e gli altri diplomati, in possesso di un attestato “tecnico” potranno dire addio agli albi professionali. Per esercitare la professione occorrerà almeno una laurea triennale. A prevederlo è la recente circolare del Miur (prot. 7201/2015 in allegato), mettendo fine ad una questione che ha scatenato un lungo dibattito anche in sede europea.

Da un lato, infatti, l'UE ha sempre puntato il dito sulla necessità di un titolo accademico (almeno di tre anni) per ottenere il diritto ad accedere ad una professione tecnica; dall'altro, la riforma dell'istruzione tecnica voluta dall'ex titolare del Miur, Mariastella Gelmini (d.p.r. n. 88/2012), non ha mai specificato esplicitamente se il titolo fosse ritenuto valido per accedere al relativo albo.

La circolare del dipartimento per il sistema educativo del Miur, ora, diffusa a tutti i direttori degli uffici scolastici regionali e ai dirigenti degli ambiti territoriali e degli istituti statali e paritari, fa definitiva chiarezza e mette al bando i diplomi.

La circolare precisa, infatti, che i modelli di diploma di istruzione secondaria di secondo grado conterranno “il riferimento al IV livello delle qualificazioni del quadro europeo delle qualifiche per l'apprendimento permanente (Eqf)”.

Per cui, l'attestato conseguito non conterrà più una qualifica sufficiente ad esercitare una professione intellettuale.

Circolare Miur, n. 7201/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF