Auto nella scarpata per strada dissestata e priva di guardrail? I danni li paga Anas

Rigettato il ricorso dell'azienda che sosteneva il concorso di colpa del conducente
strada auto sinistro rc ebrezza incidente

di Marina Crisafi - Asfalto scivoloso, ricoperto di acqua e fango, nessuna segnalazione di pericolo e niente guardrail. Inevitabile la caduta nella scarpata all'uscita della curva per l'automobilista che guidava a velocità moderata. La responsabilità dei danni è senza dubbio dell'Anas che dovrà risarcire agli eredi dell'uomo, deceduto nelle more del giudizio, oltre 150mila euro, a causa della mancata manutenzione della strada. Così ha deciso la Cassazione, con la sentenza n. 15859 depositata ieri (qui sotto allegata), rigettando il ricorso dell'Anas, avverso la sentenza della Corte d'Appello di Catanzaro che la condannava (peraltro in difetto rispetto alla decisione del giudice di primo grado) al risarcimento del danno agli eredi dell'automobilista vittima del grave incidente.

Per la terza sezione civile non regge la tesi dell'azienda che sosteneva che la causa dell'incidente fosse dipesa dalla condotta del conducente che guidava ad una velocità eccessiva.

È vero che, ha affermato, infatti, la Cassazione, “la valutazione del comportamento del danneggiato è di imprescindibile rilevanza, potendo tale comportamento, se ritenuto colposo, escludere del tutto la responsabilità dell'ente pubblico preposto alla custodia e alla manutenzione della strada, o quantomeno fondare un concorso di colpa del danneggiato stesso valutabile ex art 1227, primo comma, c.c.”. Ma è altrettanto vero che, nel caso specifico, la corte di merito ha ritenuto provata l'assoluta mancanza di colpa dell'uomo, sulla base delle testimonianze raccolte, delle foto prodotte che dimostravano l'incuria totale del tratto stradale in cui era avvenuto il sinistro (mancanza di segnalazione di pericolo, assenza di guardrail, presenza sul tratto stradale di acqua), nonché sui rilievi eseguiti dai quali risultava che la velocità di guida del veicolo non era per nulla eccessiva.

E ciò in ogni caso non avrebbe comunque evitato lo sbandamento e la caduta dal precipizio di oltre trenta metri.

Per cui nessun dubbio sulla responsabilità esclusiva dell'Anas alla quale spetta pagare anche le spese del giudizio.

Cassazione sentenza n. 15859/2015
(29/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF