Sei in: Home » Articoli

Dipendente infortunato? Va risarcito anche il datore di lavoro

L'impossibilità di avvalersi della prestazione lavorativa del dipendente a causa del sinistro stradale legittima il datore di lavoro a chiedere il risarcimento
danno biologico frattura infortunio

di Marina Crisafi – Se il dipendente rimane vittima di un sinistro stradale, anche il datore di lavoro va risarcito? Ebbene sì. Mentre, infatti, la più risalente giurisprudenza negava tale possibilità, ormai la risarcibilità del datore di lavoro per i danni conseguenti all'infortunio (extralavorativo) occorso al proprio dipendente è pacificamente affermata sia dai giudici di legittimità (sin da Cass. SS.UU. n. 174/1971) che dalle corti di merito (di recente, Gdp Palermo 16.12.2014).

La condotta illecita del terzo, infatti, responsabile dell'incidente occorso al lavoratore, priva al contempo sia il dipendente della sua integrità fisica che il datore di lavoro delle prestazioni lavorative dovute in ragione del carattere di sinallagmaticità che contraddistingue il rapporto di lavoro.

Ne consegue che il terzo responsabile del sinistro è tenuto a risarcire anche il danno cagionato al datore di lavoro per via della mancata fruizione delle prestazioni lavorative del proprio dipendente. Tale mancata utilizzazione, secondo la giurisprudenza consolidata, integra infatti un pregiudizio ingiusto causalmente ricollegabile alla condotta (dolosa o colposa) del responsabile del sinistro. E ciò a prescindere dalla sostituibilità o meno del dipendente (Cass. n. 6132/1988).

In ordine al quantum, il datore che abbia retribuito il dipendente nel periodo in cui non ha effettuato la prestazione lavorativa per l'inabilità temporanea causata dall'infortunio cagionato dal terzo, ha diritto al risarcimento (da parte di quest'ultimo) per tutti gli esborsi effettuati a favore del dipendente stesso nel periodo di invalidità temporanea. E dunque non solo per lo stipendio versato direttamente al lavoratore ma anche per le somme dovute a titolo di contributi previdenziali ed assicurativi, eventuali gratifiche, ecc. (Cass. n. 2844/2010).

Ove trattasi di infortunio occorso a seguito di sinistro stradale, l'azione risarcitoria va attivata, nei confronti della compagnia di assicurazione del terzo responsabile, entro il termine di due anni, ai sensi dell'art. 2947, 2° comma, c.c. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF