Secondo quanto emerge da uno studio dell'Istat con riferimento al secondo trimestre 2009, oltre due milioni di giovani, ultimati gli studi, non hanno avuto esperienze lavorative di durata superiore a tre mesi. Di questo gruppo più della metà sono donne. Secondo l'Istat la probabilita' di trovare un lavoro, e sopratuttto di trovare un lavoro stabile, crescono parallelamente al livello di formazione che si riesce a conseguire. Appare quindi più debole la posizione di chi ha un livello di istruzione più basso: il 64% dichiara di aver avuto un'esperienza di lavoro significativa mentre la percentuale sale al 77% per diplomati e laureati. Dai dati Istat emerge anche che il 73% dei giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni usciti dal sistema educativo formale, ha avuto almeno un'esperienza di lavoro significativa e la percentuale aumenta al crescere dell'eta': dal 29,7% della classe 15-19 anni al 60,1% di quella 20-24 anni, fino al 75,1% per i giovani tra i 25 e i 29 anni e all'81,2% nella classe 30-34 anni.
Condividi
Feedback

(17/10/2010 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile