Sei in: Home » Articoli

Promessa di matrimonio: Cassazione, lecito il ripensamento ma vanno risarciti i danni

sposa matrimonio nozze unione civile
Chi non maniente la promessa di matrimonio deve risarcire i danni alla parte ripudiata. Lo ricorda la Corte di Cassazione precisando per che "lo scioglimento di una promessa di matrimonio" una ''espressione del diritto fondamentale della liberta' di contrarre matrimonio con la conseguenza che il recesso, anche senza giustificato motivo, non potra' mai considerarsi condotta antigiuridica''. Ci non toglie che il "ripensamento", quando avviene senza un giusto motivo, possa avere delle conseguenze sul piano del risarcimento del danno alla parte che stata rifiutata. La Corte (sentenza 9052/2010 della terza sezione civile) richiama inanzitutto il contenuto dell'art. 81 del codice civile che testualmente dispone: "La promessa di matrimonio fatta vicendevolmente [...] obbliga il promittente che senza giusto motivo ricusi di eseguirla a risarcire il danno cagionato all'altra parte per le spese fatte e per le obbligazioni contratte a causa di quella promessa...". Tale norma spiega Piazza Cavour prevede ''una particolare forma di riparazione riconosciuta al di fuori di un presupposto di illiceita', essendo ricollegata direttamente dalla legge alla rottura della promessa di matrimonio 'senza giusto motivo'''. In sostanza ''la promessa di matrimonio obbliga il promettente che senza giusto motivo ricusi di eseguirla a risarcire il danno cagionato all'altra parte''.
Altre informazioni su questa sentenza
(16/04/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: s a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss