La Cassazione (sentenza n. 21119/2009) si pronuncia sull'obbligo di tempestiva comunicazione da parte del datore di lavoro al Centro per Impiego dell'instaurazione di un rapporto di lavoro, e afferma che il mancato rispetto del termine equivale a mancato invio, anche nel caso di ritardo nell'adempimento dell'obbligo, con conseguente applicabilità della relativa sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ogni lavoratore interessato. La finalità di questo flusso informativo verso i servizi territoriali per l'impiego viene rinvenuta soprattutto nella necessità da parte dei medesimi di effettuare un costante e completo monitoraggio del mercato dl lavoro, di dare evidenza alla stipula dei contratti di lavoro a tutte le strutture pubbliche nei cui confronti la costituzione del rapporto produce effetti nonché di contrastare il fenomeno del lavoro nero ed irregolare.
Condividi
Feedback

(16/12/2009 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza