Sei in: Home » Articoli

Niente vacanze retribuite se non per seri motivi

Condividi
Seguici

Il Tribunale di Milano, con la sentenza n.1863 del 2001, ha stabilito che, per usufruire di permessi per ragioni familiari e personali, occorrono motivi di rilevante urgenza, necessità e serietà. Non rientra, dunque, tra tali motivi un semplice viaggio per ragioni di svago e di piacere. Il Tribunale ha così respinto il ricorso di un’insegnante che aveva chiesto l’annullamento delle sanzioni irrogatele per aver usufruito del beneficio al solo fine di andare in vancanza a Sharm El Sheikh.
(10/01/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss