Il fatto di non mandare i figli a scuola è una forma di maltrattamento. Lo ha stabilito la Sesta sezione penale della Corte di Cassazione (Sentenza n. 31893/2002) evidenziando che il disinteresse dei genitori per l'istruzione dei figli rischia di provocare conseguenze devastanti per il loro sviluppo. In tali evenienze, secondo la Corte, il reato sussiste a prescindere dalla percezione o no di uno stato di soffrenza da parte dei bambini.

Condividi
Feedback

(27/09/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi: