Sei in: Home » Articoli

Diagnosi prenatale della sindrome di Down e responsabilità del medico

Condividi
Seguici

Rientra fra gli obblighi tipici del contratto di prestazione sanitaria quello di fornire al paziente una completa informazione sulla sua situazione e sugli interventi sanitari necessari ed utili, onere che deve ritenersi assolto ove la cartella clinica abbia un contenuto informativo sufficiente a mettere a conoscenza la futura genitrice che l'esame effettuato non avrebbe escluso con certezza l'esistenza della patologia cromosomica di cui è risultata poi affetta la neonata. Rientra fra gli obblighi tipici del contratto di prestazione sanitaria quello di fornire al paziente una completa informazione sulla sua situazione e sugli interventi sanitari necessari ed utili, onere che deve ritenersi assolto ove la cartella clinica abbia un contenuto informativo sufficiente a mettere a conoscenza la futura genitrice che l'esame effettuato non avrebbe escluso con certezza l'esistenza della patologia cromosomica di cui è risultata poi affetta la neonata.
Non è ravvisabile la responsabilità del medico per la nascita di una neonata affetta da gravi patologie cromosomiche il quale in assenza di dubbi diagnostici e sulla base di una valutazione che tenga conto di tutti gli elementi obiettivi e subiettivi da effettuarsi necessariamente ex ante, non abbia prospettato in termini di necessità o di consigliabile opportunità l'effettuazione dell'esame del cariotipo fetale che solo avrebbe consentito con certezza la diagnosi prenatale della malformazione.
Leggi la motivazione della sentenza
(18/04/2006 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Al via la riforma della TARI
» Cassazione: spetta all'Asl pagare i danni provocati dal randagio

Newsletter f t in Rss