Sei in: Home » Articoli

Rumori molesti: il giudizio sulla tollerabilità

Condividi
Seguici

La vita moderna ci regala sempre maggiori comodità e i progressi della tecnologia stanno a poco a poco migliorando la nostra vita. Tutto questo però ci ha posto di fronte a nuove problematiche, e tra queste il crescente inquinamento acustico ambientale. Sempre più persone sono tormentate da rumori molesti che provengono non solo da discoteche, pub e luoghi di svago che fioriscono per ogni dove, ma anche dai propri dirimpettai che magari hanno istallato un nuovo condizionatore o si sono muniti di un innovativo impianto "dolby" per la loro TV digitale.
Così alcuni malcapitati si trovano a vivere in situazioni davvero intollerabili. Sono diverse le leggi speciali e i regolamenti che dettano norme specifiche per il rilevamento e la misurazione dei rumori e diventa sempre più difficile avere chiarezza sui propri diritti. Tuttavia, secondo la Cassazione, (sent. 29/4/2002 n.6223) dette norme sono di natura pubblicistica e non possono regolare direttamente i rapporti tra i privati. E così, per questi, continua a valere la disciplina dell'art. 844 del codice civile che rimette al prudente apprezzamento del giudice il giudizio sulla tollerabilità delle immissioni di rumori.
(06/06/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocato gratis anche quando l'ex non paga il mantenimento
» Cellulare alla guida: multe fino a 2.588 euro
» Legge Pinto: cosa prevede e come si presenta il ricorso
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Google abbandona Huawei: addio ad Android?

Newsletter f t in Rss