La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione (sent. n. 45484/04) ha affermato che risponde penalmente del reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone (art. 659 c.p.) il gestore di un pub che non impedisce, tramite il ricorso all'autorità, che i clienti effettuino schiamazzi e rumori fuori dal locale. E ciò anche se si tratta dell'esercizio di un'attività rumorosa debitamente autorizzata.
Condividi
Feedback

(09/12/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Arriva il reddito d'emergenza