Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condannato marito che pedinava la moglie in elicottero

Pedinava la moglie con tutti i mezzi, persino utilizzando un elicottero, anche dopo che lei se ne era andata di casa. Un ''ingiustificato'' e ''assillante controllo'' che era passato attraverso normali ''pedinamenti'', per arrivare agli ''appostamenti''e alle ''riprese filmate e fotografiche'' della consorte che veniva spiata anche in casa con microspie. Per questa serie di controlli ''ossessivi'' la Corte di Cassazione ha reso definitiva la condanna per ''maltrattamenti'' inflitta ad un chirurgo pugliese, Francesco I., che ''controllava in modo esasperato'' la consorte Patrizia, ''tappezzando la casa di microfoni e apparecchi di registrazione collegati anche ai telefoni, inseguendola, pedinandola e facendola pedinare da persone da lui assoldate''. Una serie di controlli ''assillanti'' che erano continuati anche dopo la separazione, quando la moglie da Barletta si era trasferita a Trani.
In questo caso il chirurgo aveva fatto riprendere la consorte attraverso telecamere che aveva consegnato ai figli minori Alessio e Angelo. La donna non potendone piu' ha denunciato i fatti e Francesco I., nel febbraio 2002, veniva condannato dalla Corte d'appello di Bari per il reato di ''maltrattamenti in famiglia''. Inutile il ricorso del chirurgo in Cassazione.
(06/10/2004 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF