Sei in: Home » Articoli

Anche il marito cassaintegrato e' obbligato a mantenere la moglie senza redditi.

tasca crisi povero soldi
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto
E-mail: barbara.pirelli@gmail.com
"Il matrimonio c'insegna molte cose. Soprattutto che potevamo farne a meno." Che dire, ha avuto ragione Roberto Gervaso nel dirlo, forse perché molti si pentono amaramente di essersi sposati specie quando si trovano a dover fare i conti in tribunale.
Con una separazione il bilancio non è mai positivo e se anche si crede di essersi liberati dall'altro, ormai  divenuto un nemico, le perdite in termini emotivi ed economici continuano ad essere tante.
Tra i coniugi, però, quello che ne esce più volte sconfitto e' il marito che tra il mantenimento in favore dei figli e della moglie si rischia di ritrovarsi in tasca solo pochi spiccioli per sbarcare il lunario.
E può anche accadere che un marito in cassa integrazione  debba continuare a versare l'assegno di mantenimento in favore della moglie disoccupata. Questo è quanto ha stabilito la Corte di Cassazione ,con l'ordinanza n. 2537 del 5 febbraio 2014, stabilendo che l'ex marito anche se cassaintegrato  non può sottrarsi all'obbligo di mantenimento in favore della moglie senza redditi. E' stata dunque, accolta la richiesta della moglie ed il marito si è visto costretto a versare, a titolo di assegno di mantenimento, la somma di euro 150,00 mensili.
La Corte di Cassazione ha basato il proprio convincimento non solo sul fatto che la moglie, anche per le condizioni di salute ,avesse qualche difficoltà a reperire un lavoro ma ha considerato anche un'altra circostanza e cioè l'uomo anche se cassintegrato aveva comunque acquistato un 'automobile di lusso modello BMW ; questa circostanza ha fatto presumere che l'uomo avesse comunque dei redditi occulti tali da consentirgli un diverso tenore di vita da quello dichiarato.
Quindi, tutte le volte il giudice nel calcolare l'importo da corrispondere all'altro coniuge a titolo di mantenimento deve non solo valutare il tenore di vita goduto durante il matrimonio ma deve tenere conto anche di altre circostanze; come e' accaduto in questo caso, la cassa integrazione del marito non è stato un limite al mantenimento della moglie perché la stessa e' riuscita a dimostrare che il marito aveva comunque acquistato un bene superfluo come un automobile di lusso sicuramente grazie a redditi non dichiarati.
In conclusione, anche con un contributo minimo, l'uomo e' stato obbligato a mantenere l'ex moglie.
(14/02/2014 - Avv.Barbara Pirelli)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF