Sei in: Home » Articoli

Tra l'Austerity UE e la Legge di Stabilità

mummia id14693
Dott.Roberto Paternicò. La Commissione Ue dice all'Italia che la bozza di legge di Stabilità «evidenzia progressi limitati». Non si notano le riforme strutturali raccomandate dal Consiglio europeo. Non vengono, quindi, rispettate le regole sul deficit contenute nel Patto di stabilità, con ampio rischio di sforamento dei parametri. L'Italia deve impegnarsi, nel medio termine, riducendo il debito l'anno prossimo per un aggiustamento strutturale di almeno 0,5% del Pil». Importante è l'attuazione  della cd. spending review per la riduzione del debito. L'Italia risponde che la UE non ha tenuto conto dei provvedimenti annunciati dal governo anche se non ancora inseriti nella "bozza" della Legge di stabilità. A fronte, poi, della richiesta italiana di maggior flessibilità sugli investimenti, la Commissione non ha concesso il "bonus" perché il debito è troppo alto. Nesso tra debito pubblico e crescita oppure no? L'amletico dubbio su cui economisti ed accademici polemizzano, mentre i mercati che non rappresentano una scienza esatta non seguono ideologie o formule prefissate. Vi sono richieste diverse: una maggiore crescita, una maggiore solidarietà ed una minore austerità   che non si accordano con il pensiero di chi sostiene che l'indebitamento influisce sulla crescita. Non esiste una certezza scientifica  ne una formula matematica  che possa controllare l'economia. Ma l'Italia che fa? 
PER SAPERNE DI PIU', LEGGI QUI SOTTO IL PDF SFOGLIABILE COMPLETO ED ILLUSTRATO
Dott.Roberto Paternico'


SCARICA IL PDF COMPLETO ED ILLUSTRATO
Assibot
(25/11/2013 - Dott.Roberto Paternicò)

In evidenza oggi:
» Cassazione: bisogna fermarsi sempre allo stop anche a strada libera
» Responsabilità medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Nuova tassa auto per il 2019
» Riforma processo civile: il no degli avvocati
» Carta d'identit elettronica anche alle Poste
Newsletter f g+ t in Rss