Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Cassazione: ai depressi spetta la pensione di invalidita'

Condividi
Seguici

Ai depressi spetta la pensione di invalidita' dall'Inps. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione sottolinenando come questo ''stato invalidante'' influisca sulla ''riduzione della capacita' di lavoro e di guadagno''. Proprio per questo motivo Angela D., impiegata siciliana sofferente da tempo di ''sindrome ansioso depressiva'' e ''ipertensione'', si e' vista accordare dalla Suprema Corte l'assegno di invalidita' Inps che le era stato negato. A sollevare la pronuncia di piazza Cavour, la stessa impiegata che per quattro anni, dall'82 all'86, aveva beneficiato dell'assegno dato il suo stato depressivo che le consentiva un ridotto rendimento sul lavoro, andandosi a ripercuotere sul guadagno.
Malgrado la depressione, l'impiegata da un giorno all'altro, si era vista negare la pensione di invalidita'.
(12/09/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: la busta paga prova le ferie non godute
» Assegno di divorzio: conta anche l'addebito della crisi coniugale
» Fibromialgia: arriva l'invaliditā
» Giustizia: arrivano oltre 2.700 assunzioni
» Addio tenore di vita anche per l'assegno di mantenimento

Newsletter f t in Rss