I farmacisti che conservano medicine scadute negli scaffali o nel frigorifero della farmacia rischiano la reclusione. Questo sulla base di quanto stabilito da una recente sentenza della Corte di Cassazione (n. 30283/2003). I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che non ha alcuna rilevanza il fatto che i farmaci scaduti non siano alterati e che la data di scadenza sia passata da poco. La fattispecie integra infatti ipotesi di reato colposo contro la salute pubblica e di commercio di medicinali guasti. Con questa motivazione la Corte ha condannato un farmacista pugliese a 3 mesi di reclusione e 80 euro di multa per aver tenuto medicine scadute accanto ad altre valide.

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: