Un libro che serve a spalancare la visione su un mondo al quale le amministratrici di condominio, come dimostrano le storie raccontate, possono dare un contributo fattivo

Quorum rosa, il libro

[Torna su]

Storie diverse, di autrici differenti che hanno tutte la caratteristica di arrivare al cuore. "Quorum rosa, condominio al femminile. La resurrezione della professione", a cura di Daniela Zeba, edito da Libri Condominio, con la prefazione di Ylli Pace e Roberto Cataldi, è il libro che racconta vita vissuta, di desideri, sogni ed aspirazioni che declinano le varie sfaccettature dell'amministratore di condominio.

«Le Autrici - chiarisce la presentazione -sono riuscite a toccare i nervi scoperti di una professione, ma al contempo a valorizzarne il prestigio e la dignità: monito per le istituzioni e soprattutto per i condòmini, affinché imparino finalmente ad apprezzare e a scegliere l'amministratore eccellente e più qualificato».

Storie di condominio al femminile contro le disparità

[Torna su]

Sono storie di donne, espressioni della voglia di riscatto per le autrici: Daniela, Barbara, Simona, Vania, Elena, Adele, Emanuela, Amelia, Cetty, Tatiana, Sabrina P., Sabrina S., Aglaia, Altea, Amarilli S., Egidia, Veronica, Maria Concetta, Sabina. E, come chiarito dagli avvocati Pace e Cataldi in prefazione «Il desiderio è di farsi promotrici di un cammino di rinnovamento culturale che vede le donne protagoniste nelle amministrazioni condominiali perché capaci, colte, e inclini per natura al "problem solving", unite contro ogni disparità e discriminazione basata sul genere, un condominio al femminile, finalmente, colorato di rosa». Parte del ricavato della vendita del testo sarà devoluto in beneficenza a "Non solo amministratori".

Contro lo stereotipo della donna amministratore

[Torna su]

L'amministratore di condominio viene visto spesso come un guardiano severo, quasi una sorta di "cerbero" - spiegano da Studio Cataldi gli avvocati Pace e Cataldi. «Lo si immagina seduto lato scrivania, nascosto da polvere e comunicazioni di sollecito, bollettini da riscuotere, convocazioni di assemblee da indire, ordini del giorno da stilare. Ma è davvero questa la realtà? E cosa succede se l'amministratore di condominio è una donna?». Giusto interrogativo se si pensa che la professione è scelta da tante donne. Donne che possono mettere a disposizione della vita condominiale e nella risoluzione delle tematiche del condominio i loro punti di forza. E invece, bisogna proprio contrastare lo stereotipo dell'amministratore di condominio "donna" che «nell'immaginario collettivo, è una persona poco credibile, poco preparata e che, proprio in quanto donna, non merita di amministrare né il condominio e né i condómini. Stereotipi da scalfire, rivoluzione da attuare in un panorama che vede, sia a livello nazionale che internazionale, le donne assurgere a ruoli apicali e manageriali di successo, in posizioni lavorative riservate per definizione al genere maschile». Un libro che serve a spalancare la visione su un mondo al quale le amministratrici di condominio, come dimostrano le storie raccontate, possono dare un contributo fattivo.

Il libro è acquistabile su libricondominio.it


In evidenza oggi: