Lo ha stabilito la Cassazione (sentenza 41234/2002) che ha respinto il ricorso di un giovane di Potenza, 'reo' di aver perseguitato l'amica con 'molestie telefoniche con minacce' effettuate con il cellulare
Roma (Adnkronos) - Molestie telefoniche? Scatta il blocco del cellulare. Lo ha stabilito la Cassazione (sentenza 41234) che ha respinto il ricorso di un giovane di Potenza, 'reo' di aver perseguitato l'amica con 'molestie telefoniche con minacce' effettuate con il cellulare.
Giorno dopo giorno la donna continuava ad essere subissata di chiamate tanto che il padre, aveva deciso di denunciare il fatto ad un funzionario di polizia.
Il caso era finito davanti ai giudici di Potenza che il 25 gennaio scorso, dopo aver acquisito i tabulati delle telefonate, disponevano nei confronti del giovane la condanna a 15 giorni di reclusione (sostituiti con una sanzione pecuniaria), oltre al blocco del cellulare per il reato di minacce (previsto dall'art. 612 c.p.).

Foto: 123rf.com
Altri articoli che potrebbero interessarti:
In evidenza oggi: