In una recente pronuncia (Sent. 8714/2008) la Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione ha confermato una decisione dei giudici di merito con la quale è stato dichiarato lo stato di adottabilità di una minore, stante "l'inadeguatezza dei genitori e il pericolo concreto ed attuale di gravi danni a carico della piccola in caso di suo reinserimento nel nucleo familiare di origine" e l'inaffidabilità della sorella della minore, appena ventenne, a farsene carico "quale figura parentale idonea a fornire alla stessa adeguata assistenza e porsi come valido riferimento educativo (…)". Al riguardo, gli ermellini hanno osservato che "motivata in modo logicamente e giuridicamente corretto" è la pronuncia dei giudici di merito, "con particolare riferimento alla incapacità della giovanissima sorella della minore di una progettualità realisticamente realizzabile per sé e per la sorellina e di una posizione autonoma rispetto a quella dei genitori, orientata alla negazione, pur in presenza di una condanna definitiva degli stessi, della sofferenza (…)" delle altre due sorelle, per reati compiuti in loro danno.

Condividi
Feedback

(10/05/2008 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi: