Il concorso anomalo (art. 116 c.p.) disciplina le ipotesi in cui un concorrente, nell'esecuzione del piano concordato commette un altro reato in luogo di quello o un altro oltre quello concordato

Concorso di persone nel reato

[Torna su]

Le fattispecie di reato, nella grande maggioranza dei casi, sono descritte con riferimento alla condotta di un unico autore (reato monosoggettivo, es. il furto, che punisce chiunque si impossessa).

La condotta criminosa, però, può essere posta in essere da più soggetti, ognuno con un proprio ruolo (es. istigatore, autore, complice): quando ciò si verifica, si ha concorso di persone nel reato.

Leggi Concorso materiale e concorso formale di reati

Tuttavia, nel nostro codice penale, vi sono anche reati caratterizzati dal necessario realizzarsi della condotta, da parte di più soggetti, mediante più condotte (es. associazione per delinquere, rissa ecc.).

In questi casi si parla di reati a concorso necessario o plurisoggettivi.

Elementi costitutivi del concorso di persone

[Torna su]

Elementi costitutivi del concorso di persone sono:

  • pluralità di soggetti;
  • realizzazione del reato;
  • contributo causale di ciascun concorrente alla realizzazione;
  • elemento soggettivo.

Art. 116 c.p.: il cd. concorso anomalo

[Torna su]

Il fatto oggetto di istigazione o di eventuale accordo può essere diverso rispetto a quello che viene realizzato in concreto.

Secondo l'art. 116 c.p. "qualora il reato commesso sia diverso da quello voluto da taluno dei concorrenti, anche questi ne risponde, se l'evento è conseguenza della sua azione od omissione. Se il reato commesso è più grave di quello voluto, la pena è diminuita riguardo a chi volle il reato meno grave".

Il "concorso anomalo" disciplina quelle ipotesi in cui un concorrente, nell'esecuzione del piano concordato (es. furto), commette un altro reato in luogo di quello (es. rapina) oppure ne commette un altro oltre quello concordato (es. furto ed omicidio).

In queste situazioni, anche colui che non volle il reato diverso ne risponderà, sebbene con una diminuzione di pena, sulla scorta del solo contributo causale.

Requisiti del concorso anomalo

[Torna su]

Requisiti del concorso anomalo sono i seguenti:

  • tutti i còrrei devono volere e realizzare un determinato fatto;
  • è necessario ex art. 116 c.p. che vi sia un rapporto di causalità materiale tra il reato voluto ab origine da tutti i concorrenti e quello diverso realizzato in concreto;
  • è necessaria la realizzazione, da parte di almeno un concorrente, di un reato diverso da quello voluto, che può essere meno grave od anche accompagnato dalla realizzazione di quello concordato (non si ritiene diverso il reato circostanziato);
  • infine, è necessario un rapporto di causalità psichica tra il reato voluto in origine e quello diverso effettivamente commesso, che dovrà essere prevedibile, in quanto sviluppo logico di quello concordato.

Potranno, pertanto, verificarsi le seguenti situazioni:

  • se il reato diverso sia atipico ed eccezionale, dovuto a circostanze del tutto imprevedibili, la responsabilità è esclusa per il concorrente che non lo volle;
  • se il reato diverso è stato previsto e vi è stata accettazione del rischio che si verificasse,
  • si configurerà una responsabilità ai sensi dell'art. 110 c.p. (a titolo di dolo eventuale);
  • infine, se il reato diverso non è stato previsto ma era prevedibile in concreto, si risponderà ai sensi dell'art. 116 c.p. (concorso anomalo).


Avv. Francesco Maria Romanelli

Napoli - Via Marino di Caramanico 5/M c/o Parco Sebeto

Acerra - Via Antonia Maria Verna n. 34 c/o Parco "Le Terrazze"

Cell. 3662539456

Avv. Francesco Maria Romanelli

Napoli, Via Marino di Caramanico 5/M

Acerra, Via Verna n. 34

Cell. 3662539456


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: