La limitazione riguarda il personale in servizio al 15 agosto 2017, ossia la data di entrata in vigore della riforma Orlando

Magistrati onorari, governo al lavoro per la stabilizzazione

[Torna su]

Saranno presto stabilizzati i magistrati onorari. L'Esecutivo Draghi è al lavoro per non incorrere nella procedura d'infrazione Ue annunciata da Bruxelles a luglio, a seguito della mancata copertura previdenziale del personale. Sarà un emendamento alla legge di bilancio 2022 a consentire ai magistrati onorari di lungo corso di essere confermati a tempo indeterminato fino alla pensione. Con la limitazione al personale in servizio al 15 agosto 2017, data di entrata in vigore della riforma Orlando. Risposte che sono ben lontane tuttavia dalle domande poste e relative alle esigenze dei magistrati stessi.

Magistrati onorari, l'indennità forfettaria

[Torna su]

L'esame consisterà in una prova orale su di un caso pratico, relativo al settore in cui i magistrati hanno esercitato le funzioni. Per coloro che non supereranno la prova o decideranno di non partecipare alla tornata per la conferma ci sarà un'indennità forfettaria per un massimo di 50.000 euro. La percezione implica la rinuncia a ogni pretesa sul rapporto cessato. Si cerca insomma di evitare la condanna di Bruxelles rifacendosi alla soluzione adottata per i docenti precari ai quali era stato reiterato il contratto a termine per anni in modo illegittimo.

Magistrati onorari, tre concorsi

[Torna su]

Per la conferma sarà il Csm a bandire tre procedure valutative da tenersi con cadenza annuale nel triennio 2022/2024. Ai magistrati onorari confermati che scelgono il regime di esclusività viene corrisposto il trattamento economico, assistenziale e previdenziale, ai soli fini stipendiali, a quello spettante ad un funzionario amministrativo di area III (F1, F2 o F3) in relazione al numero di anni di servizio prestati oltre all'indennità.


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: