Una breve guida e le istruzioni per le elezioni amministrative che si terranno a breve in alcune regioni e in molti comuni italiani
uomo inserisce scheda dopo aver votato

Quando si vota per le amministrative

[Torna su]

Nei Comuni che fanno parte delle Regioni a Statuto ordinario e per quelli della Regione e Statuto Speciale del Friuli Venezia Giulia si vota domenica 3 ottobre e lunedì 4 ottobre 2021 (in questa Regione il turno di ballottaggio eventuale per l'elezione diretta dei sindaci si terrà domenica 17 e lunedì 18 ottobre 2021).

Come risulta dal prospetto aggiornato al 15 settembre (sotto allegato) che riporta l'elenco dei Comuni in cui si terranno le elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre, saranno 1154 gli Enti Comunali coinvolti, dei quali 115 sono Comuni superiori (di cui 17 capoluogo e 1 con elezioni parziali), mentre i restanti sono Comuni Inferiori.

Negli stessi giorni si svolgeranno anche le elezioni per le lezioni suppletive della Camera dei Deputati nelle seguenti circoscrizioni:

  • XII Circoscrizione Toscana - Collegio uninominale 12 (Siena)
  • XV Circoscrizione Lazio 1 - Collegio uninominale 11 (Roma-Quartiere Primavalle).

La domenica e il lunedì successivi, ossia il 10 e l'11 ottobre 2021 si voterà invece nelle Regioni a Statuto Speciale di Sicilia e Sardegna, con ballottaggio eventuale fissato per il 24 e il 25 ottobre,

Domenica 10 si vota però anche in Trentino Alto Adige - Südtirol con ballottaggio eventuale stabilito per domenica 24 ottobre.

Domenica 7 novembre 2021 sarà la volta delle elezioni amministrative che interesseranno ben 7 Comuni compresi all'interno delle Regioni a Statuto ordinario e che sono stati sciolti per condizionamenti e infiltrazioni mafiose.

Si è già votato invece domenica 19 e lunedì 20 settembre 2021 per le amministrative nella Regione Autonoma Valle d'Aosta.

Come si vota nei Comuni con più di 15.000 abitanti

[Torna su]

Nei Comuni più grandi con più di 15.000 abitanti il voto può essere espresso tracciando un segno:

  • sul candidato sindaco: il voto viene attribuito solo al soggetto scelto;
  • solo su una delle liste collegate al candidato sindaco o sia sul candidato sindaco che sulla lista collegata: il voto viene attribuito in entrambi i casi sia al candidato sindaco che alla lista;
  • sul candidato sindaco e su una lista non collegata: in questo caso il voto è disgiunto e il voto viene attribuito sia al sindaco che alla lista prescelta non collegata.

Viene eletto sindaco il candidato che ottiene il 50% + 1 (maggioranza assoluta) dei voti validi espressi. Nel caso in cui detta percentuale non dovesse essere raggiunta, allora è previsto il ballottaggio tra i due candidati che hanno ricevuto più voti.

Come si vota nei Comuni con meno di 15.000 abitanti

[Torna su]

In questi Comuni è possibile esprimere il voto tracciando un segno:

  • solo sul nome del candidato sindaco;
  • solo sulla lista a questo collegata;
  • su entrambi: il voto è riconosciuto comunque sia al candidato che alla lista. Vince le elezioni chi riceve più voti.

Come si vota nei comuni con più di 5000 abitanti

[Torna su]

In questi enti è possibile scegliere il consigliere per il Consiglio Comunale scrivendo il nome del candidato che si preferisce nella riga tratteggiata che compare sotto il simbolo della lista. Chi vuole esprimere invece due preferenze deve indicare un candidato uomo e un candidato donna. Chi non rispetterà questa regola andrà incontro all'annullamento della seconda preferenza espressa.

Attenzione: nei Comuni con meno di 5000 abitanti sarà possibile esprimere una sola preferenza.

Vai allo speciale elezioni amministrative con tutti i documenti e le istruzioni sul sito del ministero dell'interno

Scarica pdf Elezioni amministrative - la lista dei Comuni
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: