Come per la P.A. anche per la scuola sono aperte le strade alla semplificazione: in primis per i precari
maestra che insegna ai bambini a cantare

La semplificazione della P.A. investe anche la scuola

[Torna su]

È partita l'ondata la semplificazione dei pubblici concorsi, proposta dal Ministro Brunetta e all'attenzione del Parlamento, sembra aver aperto la strada a cambiamenti e semplificazioni anche nel mondo della scuola. Un processo in moto da un lato col tavolo Istruzione-Mef-Palazzo Chigi in piedi da giorni per trovare una soluzione all'emergenza posti scoperti (e relativo boom di supplenze); dall'altro c'è in piedi il cronoprogramma sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che il governo italiano ha mandato a Bruxelles.

Bando insegnanti di sostegno

[Torna su]

Ricordiamo il prossimo bando per l'avvio del corso di specializzazione (TFA VI ciclo), per diventare insegnanti di sostegno; qualora il D.L. 44/2021 sarà convertito in legge, senza subire modifiche strutturali, le procedure selettive - per l'ammissione al TFA - risulteranno improntate ai principi di semplificazione e snellimento dei concorsi.

A cui si aggiunge il concorso "riservato ai docenti di sostegno", che partirà nei prossimi mesi secondo i criteri organizzativi di semplificazione voluti dalla riforma.

La legge di conversione

[Torna su]

Per comprendere i risvolti pratici della semplificazione concorsuale, servirà aspettare dapprima la legge di conversione del cit. D.L. 44/2021, successivamente passandosi in rassegna la normativa d'attuazione prodotta dal lavoro, anche congiunto, dei Ministeri dell'Istruzione e dell'Università. Così potrà essere valutato il bilanciamento tra "la ricerca della meritocrazia e le esigenze di speditezza nelle assunzioni", e capire se la semplificazione concorsuale sia stata effettivamente in grado di generare una svolta positiva nella pubblica amministrazione, e insieme nella scuola.

Le procedure concorsuali semplificate

[Torna su]

In particolare nel Decreto legge contenimento Covid-19 (AS 2167), sono stati presentati in I Commissione del Senato molti degli emendamenti richiesti da Anief. Gli emendamenti 10.40, 10.41, 10.43, 10.44 hanno come obiettivo una semplificazione delle procedure concorsuali prevedendo lo snellimento delle prove attraverso l'espletazione di una sola prova scritta ed una orale nonché alla valutazione dei titoli e dell'esperienza professionale che concorrerebbe alla formazione del punteggio finale

Gli emendamenti sul personale precario

[Torna su]

Inoltre l'emendamento 10.0.17 autorizza l'assunzione del personale abilitato, specializzato e non con corsi di formazione successivi ai fini del reclutamento con 36 mesi di servizio su posti di sostegno; il 10.0.18 riapre la prima fascia delle GPS al personale specializzato e abilitato. L'emendamento 10.0.19 permette l'inserimento degli idonei (3mila) dell'attuale concorso straordinario per il personale precario docente della scuola secondaria nelle graduatorie finali utili ai ruoli, mentre il 10.0.20 prevede una graduatoria per titoli per assumere i docenti di religione cattolica con 24 mesi di servizio; il 10.0.21, infine, permette la conferma dei ruoli e l'annullamento dei licenziamenti con la conferma del servizio svolto per i docenti con diploma magistrale che sono stati assunti con riserva dalle Gae e hanno superato l'anno di prova.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: