Il decreto legislativo n. 27/2021 adegua la normativa italiana al Regolamento UE sui controlli ufficiali di alimenti e mangimi trasformando, tra l'altro, importanti illeciti penali in amministrativi

L'Italia si adegua ai controlli ufficiali di alimenti e mangimi

[Torna su]

Sulla Gazzetta Ufficiale datata 11.02.2021 è stato pubblicato il decreto legislativo n. 27/2021 (sotto allegato), in vigore dal 26 marzo, al fine di adeguare la normativa nazionale al Regolamento UE 2017/625.

Detto regolamento, che va a modificare altri regolamenti e direttive precedenti, si occupa dei controlli ufficiali e delle altre attività ufficiali effettuate per garantire l'applicazione della legislazione sugli alimenti e sui mangimi, delle norme sulla salute e sul benessere degli animali, sulla sanità delle piante nonché sui prodotti fitosanitari.

Il decreto legislativo si compone di 20 articoli e 3 allegato corredati da tabelle esplicative. Vediamo in sintesi cosa prevede il provvedimento.

Importanti illeciti penali diventano amministrativi

[Torna su]

Tra le novità di maggiore spicco del decreto c'è l'eliminazione della legge n. 283/1962 (ad eccezione delle disposizioni di cui agli articoli 7, 10 e 22), che contiene la disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande. Eliminazione che trasforma importanti illeciti penali colposi (utilizzo, vendita, somministrazione, introduzione di sostanze alimentari contaminate da additivi o prodotti non consentiti o cancerogeni o in stato di degrado, promiscuità, cattiva conservazione, non rispettosi dei requisiti stabiliti dalla legge) in illeciti amministrativi puniti con sanzione pecuniaria.

Autorità competenti e funzioni

[Torna su]

Il decreto individua poi le autorità competenti e il personale pertinente a cui il decreto assegna compiti particolari nel settore della sicurezza e dell'igiene alimentare e dei mangimi, ma anche in quello dei pesticidi, dei prodotti fitosanitari per la tutela della salute delle persone e degli animali. Numerosi i soggetti coinvolti nel sistema, alcuni in settori strettamente collegati alle funzioni svolte.

Da menzionare il Ministero della salute, le regioni, le Provincie autonome di Trento e Bolzano, le Aziende sanitarie locali, il Ministero delle politiche agricole alimentari, il Ministero della difesa e la Polizia Giudiziaria.

A queste autorità sono affidati importanti compiti di controllo (art. 4) e l'adozione di provvedimenti proporzionali al rischio effettivo (art 5).

Collaborazione e controperizia

[Torna su]

Alle attività di controllo, gli operatori dei settori indicati nell'art. 2 devono collaborare, consentendo alle autorità competenti l'accesso ai locali, alle attrezzature, ai documenti, ai sistemi informatici, agli animali e alle merci.

Agli organismi però deve essere consentito, in sede di prelievo del campione, se fattibile e pertinente, di prelevare "una quantità sufficiente per rendere disponibili tutte le aliquote previste, compresa quella destinata all'operatore per consentire allo stesso l'esame di parte presso un laboratorio di sua fiducia accreditato e quella per consentirgli l'espletamento dell'eventuale fase relativa alla controversia." Controperizia che può riguardare anche merci e animali.

Controversie

L'operatore che non condivide i risultati delle autorità competenti entro 30 giorni dall'invio della comunicazione dell'esito sfavorevole, può attivare una controversia, chiedendo di ripetere analisi e controlli all'istituto Superiore di Sanità, che entro 60 giorni comunica l'esito all'operatore, ma anche all'Autorità competente che ha effettuato il controllo.

Laboratori ufficiali, di riferimento e di autocontrollo mangimi

[Torna su]

Nei settori di competenza del Ministero della salute sono individuati i seguenti laboratori ufficiali:

  • l'Istituto superiore di sanità
  • gli Istituti zooprofilattici sperimentali
  • i Laboratori di sanità pubblica delle unità sanitarie locali
  • i Laboratori delle agenzie per la protezione dell'ambiente (ARPA)
  • i Laboratori designati quali laboratori nazionali di riferimento (LNR).

Inoltre, "Per tutelare la salute pubblica e garantire la sicurezza alimentare in base a quanto previsto dalla normativa vigente, il Ministero della salute, quale Autorità competente, nei settori di cui all'articolo 2, comma 1 del presente decreto, designa i laboratori nazionali di riferimento (LNR) per alimenti, mangimi, sanità animale e formulati fitosanitari."

I laboratori annessi e non annessi agli stabilimenti del settore dei mangimi devono essere accreditati "da un organismo di accreditamento riconosciuto e operante ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011."

Macellazione per il consumo domestico privato

[Torna su]

Il decreto ammette la macellazione per il consumo domestico privato eseguito al di fuori degli stabilimenti registrati e conosciuti a condizione che la macellazione abbia ad oggetto solo le specie elencate al comma 2 dell'art. 16, che quanto macellato non venga commercializzato, che gli animali non vengano storditi e che le Asl possano effettuare controlli a campione.

Eliminati alcuni provvedimenti

[Torna su]

L'articolo 18 prevede infine l'abrogazione di alcuni importanti provvedimenti

  • il regolamento per la vigilanza sanitaria delle carni;
  • il DPR sulla disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande;
  • il dlgs in materia di alimenti surgelati destinati all'alimentazione umana, limitatamente all'articolo 10 recante importazione alimenti surgelati provenienti da Paesi non appartenenti alla CEE;
  • il DPR contenete l'atto d'indirizzo e coordinamento alle regioni e province autonome sui criteri uniformi per l'elaborazione dei programmi di controllo ufficiale degli alimenti e bevande;
  • il regolamento che si occupa dell'impiego del sale alimentare nelle paste alimentari fresche, secche e speciali con o senza ripieno;
  • la norma che contempla misure urgenti in materia di prevenzione e repressione delle sofisticazioni alimentari;
  • il dlgs che si occupa del controllo ufficiale dei prodotti alimentari;
  • la norma che contiene disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute;
  • il dlgs che contempla misure supplementari sul controllo ufficiale dei prodotti alimentari.

A questi cui si aggiungono altri provvedimenti che interessano soprattutto i settori dell'allevamento animale, della sua alimentazione e delle sue condizioni igieniche.

Scarica pdf Dlgs n. 27/2021

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: