Il principio di sussidiarietà è il principio in base al quale l'ente superiore svolge funzioni amministrative solo se l'ente inferiore non è capace di farlo
pubblica amministrazione id9471.png

Articolo 118 Costituzione

[Torna su]

Il principio di sussidiarietà trova il suo principale fondamento giuridico nell'articolo 118 della Costituzione.

In particolare, ci si riferisce a quanto sancito innanzitutto dal primo comma di tale disposizione, in forza del quale "Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne l'esercizio unitario, siano conferite a Province, Città metropolitane, Regioni e Stato, sulla base dei princìpi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza".

Rileva, poi, il quarto comma, ove si legge che "Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà".

Principio di sussidiarietà orizzontale e verticale

[Torna su]

Il principio di sussidiarietà rileva sotto due diversi aspetti:

innanzitutto vi è la sussidiarietà verticale, che è quella sancita dal primo comma dell'articolo 118 della Costituzione e che in sostanza prevede che le competenze amministrative sono esercitate prioritariamente dagli enti più vicini ai cittadini, che sono in grado di rispondere meglio ai bisogni del territorio;

vi è poi la sussidiarietà orizzontale, che è quella che trova fondamento nel quarto comma dell'articolo 118 della Costituzione e che consente ai cittadini di cooperare, sia come singoli sia attraverso associazioni o altri corpi intermedi, nella definizione degli interventi istituzionali in grado di incidere nella realtà sociale di riferimento.

Principio di adeguatezza

[Torna su]

Strettamente connesso al principio di sussidiarietà, come emerge anche dal dettato costituzionale, è il principio di adeguatezza, in forza del quale l'ente potenzialmente titolare di una potestà amministrativa deve essere anche in grado, tramite la propria organizzazione, di garantirne l'effettivo esercizio.

I principi di sussidiarietà e di adeguatezza, letti insieme, fanno quindi sì che l'ente di livello inferiore al quale è astrattamente affidata una funzione amministrativa, se non ha la struttura organizzativa idonea per svolgerla, la cede all'ente di livello superiore, che quindi è il soggetto che materialmente se ne deve fare carico.

Principio di sussidiarietà penale

[Torna su]

Di principio di sussidiarietà si parla anche nel diritto penale.

In particolare, in ambito penalistico esso indica che il diritto penale interviene a tutelare un determinato bene giuridico solo come extrema ratio.

In altre parole, il principio di sussidiarietà penale implica che il ricorso alla tutela penale è giustificato e legittimo solo quando il bene da tutelare non può essere salvaguardato adeguatamente ricorrendo a sanzioni di natura extrapenale.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: