Il CNF dispone che il 2020 non conta ai fini della formazione, bastano 5 crediti per adempiere l'obbligo formativo e i crediti formativi 2020 sono compensabili. Provvedimenti importanti anche per i tirocini
persone intorno a tavolo che fanno formazione e training

di Annamaria Villafrate: il CNF torna a dare indicazione importanti agli avvocati e ai tirocinanti, alla luce dell'emergenza Covid19. Con la delibera n. 168 del 20 marzo (sotto allegata) adotta importanti provvedimenti in materia di formazione e tirocinio, mentre con la scheda di lettura del 23 marzo 2020 (sotto allegata) fornisce alcune importanti raccomandazioni per lo svolgimento in sicurezza delle attività professionali a causa della mancata sospensione delle stesse.

Formazione continua: le disposizioni del CNF per l'emergenza

[Torna su]

Con la delibera n. 168 il CNF, alla luce dell'emergenza del Coronavirus, che impone di adottare provvedimenti uniformi sull'intero territorio nazionale in materia di formazione e tirocinio e in deroga all'art. 12 del 16/07/2014 e successive modifiche del Regolamento CNF, detta le seguenti regole:

  • l'intero anno solare 2020 non viene conteggiato ai fini del triennio formativo;
  • ogni iscritto nell'anno solare 2020 adempie al proprio obbligo formativo con il conseguimento di 5 crediti, di cui 3 nelle materie ordinarie e 2 in quelle obbligatorie di ordinamento e previdenza forense, deontologia ed etica professionale;
  • i crediti acquisiti nell'anno solare 2020 sono interamente compensabili per quantità e materie con i crediti conseguiti nel triennio formativo 2017/2019 se concluso, e con quelli da conseguire nel triennio di formazione successivo.

Tirocinio e corsi da remoto

[Torna su]

Con detta delibera il CNF, alla luce della sospensione dell'attività giudiziaria, della limitazione dello svolgimento delle attività presso gli studi professionali e gli uffici legali delle PA e dell'arresto temporaneo dell'attività didattica, invita gli iscritti a promuovere modalità di lavoro da remoto anche per i tirocinanti.

I COA sono invitati a sospendere i colloqui per il rilascio delle abilitazioni e i certificati di compiuto tirocinio e a promuovere attività formative a distanza.

Le Scuole Forensi sono invitate a consentire lo svolgimento delle attività di formazione, quando possibile, a distanza.

Il CNF delibera infine di presentare al Ministro della Giustizia una richiesta di provvedimento in deroga, al fine di consentire il rilascio del certificato di compiuto tirocinio anche nel caso in cui il tirocinante non abbia ancora preso parte 20 udienze previste per il semestre 1 gennaio 2020 - 30 giugno 2020.

Indicazioni avvocati per la mancata sospensione delle attività professionali

[Torna su]

Il DPCM del 22 marzo 2020, con effetto dal 23 marzo fino al 3 aprile, dispone la sospensione di tutta una serie di attività, tra le quali non figurano quelle professionali.

Sono salve quindi le disposizioni del DPCM 11 marzo 2020 in cui si raccomandava di:

  • adottare il lavoro agile dal proprio domicilio o in modalità a distanza;
  • ricorrere a ferie e congedi retribuiti per i dipendenti;
  • adottare protocolli di sicurezza anti-contagio e dove non è possibile il rispetto della distanza di un metro di adottare strumenti di protezione individuale;
  • incentivare attività di sanificazione dei luoghi di lavoro, ricorrendo agli ammortizzatori sociali.

Restano salve le misure più restrittive disposte dalla autorità regionali e/o comunali.

Scarica pdf CNF Delibera n. 168-2020
Scarica pdf CNF Schede di lettura 23 marzo 2020
Condividi
Feedback

(24/03/2020 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Taglio del cuneo fiscale dal 1° luglio 2020
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!