Situazioni attuali di rischio per l'incolumità personale possono giustificare il rinnovo della licenza di porto di pistola al fine di tutelarsi
pistola scarica con proiettili a fianco
Avv. Francesco Pandolfi - Quante volte, tra gli addetti ai lavori, si sente parlare del fatto che il Ministero dell'Interno respinge, con motivazioni non comprensibili o comunque discutibili, la domanda di rinnovo della licenza di porto di pistola per difesa personale?
Sicuramente tante.

Discrezionalità del ministero dell'interno

[Torna su]
Anzi, sempre più spesso, la questione che si ripropone per questo tipo di pratiche amministrative è quella che ruota attorno al livello di discrezionalità che l'Autorità può arrivare ad impiegare al fine di decidere per il "si" o per il "no" sulle istanze di rinnovo.

C'è da dire che la persona interessata difficilmente comprende o accetta il diniego quando ha già avuto, senza particolari problemi, la licenza per anni e anni addietro: non lo comprende soprattutto se le condizioni poste a base dei precedenti rilasci non sono cambiate nel momento in cui ha ripresentato l'istanza.

Tutela dell'incolumità personale

[Torna su]
Ecco, da queste poche battute si percepisce subito la delicatezza della materia, visto che queste licenze mirano ad una tutela dell'incolumità personale e dei beni contro i delitti.

Il tema è complesso e delicato allo stesso tempo; la magistratura amministrativa, per i numerosi casi che vengono sottoposti all'esame dei giudici, alcune volte produce decisioni che convincono, mentre altre volte non lo fa e le sentenze sembrano orientate a sostenere quanto stabilito dall'articolazione ministeriale, Questura e Prefettura, nei provvedimenti di rigetto.

Orientamenti della magistratura

[Torna su]
Ultimamente si è fatto strada, specie tra i giudici di primo grado, un orientamento in forza del quale l'esito decisionale difforme rispetto al passato può anche provenire dal fatto che il Ministero dell'Interno, nel momento in cui è chiamato a valutare, decide di adottare un maggior rigore sui rinnovi.

Detto in altri termini: un "no" rispetto ai precedenti e favorevoli provvedimenti può arrivare da un irrigidimento, non meglio spiegato, della Questura.

I ricorsi

[Torna su]
Ebbene, se così è, appare evidente che un irrigidimento dell'Autorità per essere comprensibile e giustificabile in termini di diritto / interesse va opportunamente chiarito e motivato a chi chiede il rinnovo, in quanto non si può pretendere dalla persona interessata, esente da mende, ineccepibile e già in possesso del titolo magari da decadi, che rinunci al rinnovo quando sono ancora invariate le condizioni che lo hanno giustificato per anni e anni.

Evidente che, con uno scenario di questo tipo, la strada del ricorso diventa inevitabile.


Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
Francesco Pandolfi | Avvocato
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Condividi
Feedback

(07/02/2020 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile