Cos'è l'abbandono scolastico, che portata assume in Italia e cosa prevede il nostro ordinamento sull'obbligo scolastico, con le sanzioni
alunno che scappa da scuola

di Valeria Zeppilli - L'abbandono scolastico è un fenomeno che si verifica quando un giovane abbandona gli studi prima di aver conseguito il diploma o un'altra qualifica professionale e, quindi, con il possesso della sola licenza media.

In una società in cui trovare un'occupazione è sempre più complesso, l'abbandono scolastico rappresenta un forte ostacolo all'ingresso nel mondo del lavoro.

Abbandono scolastico: i dati

[Torna su]

Nonostante ciò, l'abbandono scolastico è molto diffuso e i dati relativi all'Italia sono ancora oggi decisamente allarmanti.

Secondo delle recenti indagini, sono 598mila i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni che hanno abbandonato precocemente l'attività scolastica. Le Regioni nelle quali il fenomeno è più preoccupante sono la Sardegna, la Sicilia e la Calabria, ove l'abbandono scolastico si assesta, rispettivamente, sul 23%, sul 22,1% e sul 20,3%.

Leggi: "Abbandono scolastico, le cifre shock"

Abbandono scolastico e dispersione scolastica

[Torna su]

L'abbandono scolastico non va confuso con la dispersione scolastica, della quale costituisce solo un aspetto.

La dispersione scolastica, infatti, è un fenomeno più ampio, che comprende non solo l'abbandono del proprio percorso di studi, ma anche le sue interruzioni, l'evasione dell'obbligo di frequenza e i ritardi costanti, oltre che il conseguimento di un titolo non conforme alle competenze effettivamente acquisite.

Abbandono scolastico: cosa prevede la legge

[Torna su]

Se, come visto, l'abbandono scolastico è un fenomeno allarmante, appare utile comprendere anche quando lo stesso si qualifica come illegittimo e quindi capire fino a quando il nostro ordinamento prevede l'obbligo scolastico e da quando, invece, la scelta di proseguire o meno gli studi è rimessa alla libera determinazione dei ragazzi.

L'obbligo scolastico

L'obbligo scolastico, in Italia, è previsto per almeno dieci anni e riguarda la fascia di età compresa tra i sei e i sedici anni di età. A dirlo sono l'articolo 1 della legge numero 296/2006, l'articolo 2 del decreto ministeriale numero 139/2007 e l'articolo della circolare del MIUR numero 101/2010.

Tale obbligo può essere assolto sia nelle scuole statali e paritarie, sia nelle strutture accreditate dalle Regioni per la formazione professionale, sia attraverso l'istruzione parentale.

In ogni caso, il nostro ordinamento sanziona penalmente (con l'ammenda sino a 30 euro) solo l'inosservanza dell'obbligo di istruzione elementare dei minori.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(19/01/2020 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Sospensione del mutuo: ecco il modello