Sei in: Home » Articoli

Stagnazione: Italia appena sopra lo zero

Condividi
Seguici

Secondo il Centro Studi Confindustria si conferma il persistete di una sostanziale stagnazione nel nostro paese
grafico che indica stagnazione in economia

di Redazione - Né avanti né indietro. In una parola, l'Italia è ancora stagnazione. Ad evidenziarlo il Centro Studi Confindustria che mostra i dati di un paese "appena sopra lo zero", confermando "anche nel 4° trimestre 2019 il persistere di una sostanziale stagnazione".

Cos'è la stagnazione

La stagnazione si ricorda, è una situazione economica in cui vi è un arresto della crescita e dello sviluppo. Secondo la definizione data dall'enciclopedia Treccani, per stagnazione si intende, "nel linguaggio economico, condizione in cui produzione e reddito nazionale restano immobili, senza aumentare né diminuire. Se relativa a un periodo prolungato, individua una fase di progressiva contrazione della crescita economica". Un ristagno, in sostanza.

CSC: continua stagnazione

"L'economia italiana è appena sopra lo zero, con più occupazione, consumi in debole aumento e tassi sovrani stabili. Per la crescita mancano gli investimenti, che non ripartono, e il credito, che è in calo" evidenzia il Centro Studi di Confindustria in congiuntura Flash sottolineando che "si conferma anche nel IV trimestre 2019 il persistere di una sostanziale stagnazione".
L'export cresce a fatica, con i mercati extra-UE cruciali, "ma aumentano i rischi - continua la nota - L'instabilità in Iran e Libia potrebbe causare uno shock petrolifero. Scambi mondiali deboli, così come l'Eurozona, ma la crescita Usa è solida, migliora la Cina e reggono i mercati finanziari".

Industria in difficoltà

L'industria è ancora in difficoltà, scrive ancora il CSC, "a dicembre gli ordini sono in parziale recupero, ma il PMI (Purchasing Managers' Index) è crollato ancor di più (46,2) e il Centro Studi Confindustria stima una produzione in calo nel trimestre. Nei servizi, invece, il Pmi è salito a dicembre, in area di debole crescita (51,1)".

"Più occupazione - conferma la nota Csc - È ripartita in autunno l'espansione dell'occupazione (+0,2% a ottobre-novembre sul 3° trimestre), trainata dalla componente dipendente, specie a tempo indeterminato. Gli occupati in aumento a ritmi più alti del PiL implicano un calo della produttività del lavoro (-1,3% da inizio 2018)".

Export cresce a fatica

Export con crescita a fatica. "In ottobre l'export è cresciuto del 3,2%, terzo aumento consecutivo, sostenuto dalle vendite extra-UE (deboli però a novembre) - continua la nota - Giappone e Svizzera i mercati più dinamici, male in Medio Oriente, Sud America, Cina. Deboli le prospettive: gli ordini esteri sono in lieve risalita a dicembre, dai minimi. Pesano i dazi USA sull'agro-alimentare e le incertezze globali, specie per l'automobilistico".

(13/01/2020 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Taser a tutte le forze dell'ordine
» Stop chiamate call center anche sui cellulari

Newsletter f t in Rss