Sei in: Home » Articoli

Cuneo fiscale

Condividi
Seguici

Cos'è il cuneo fiscale, come si calcola e a quanto ammonta in Italia, in attesa che venga definito il taglio previsto dalla manovra e atteso per il 2020
taglio delle tasse

di Valeria Zeppilli - L'espressione cuneo fiscale, in economia, indica gli effetti che la tassazione ha sui lavoratori, sull'occupazione e sul mercato del lavoro.

Cuneo fiscale: calcolo

Il calcolo del cuneo fiscale può essere fatto, quindi, sommando tutte le imposte dirette e indirette e i contributi che incidono sul costo del lavoro. Esso, in sostanza, coincide con la differenza tra il costo che il dipendente ha per il datore di lavoro e l'ammontare netto della sua retribuzione.

È quindi possibile calcolare il cuneo fiscale per il lavoro dipendente considerando l'ammontare dell'Irpef, dei contributi previdenziali e delle addizionali comunali e regionali.

Cuneo fiscale in busta paga: a quanto ammonta

In Italia il cuneo fiscale è molto elevato.

Per farsi un'idea, basti pensare che sul costo del lavoro vi è un'incidenza delle imposte sul reddito pari al 17,5% e dei contributi pari al 31,5%, di cui il 24,3% grava sul datore di lavoro e il 7,2% sul lavoratore.

Cuneo fiscale in manovra

La legge di bilancio 2020 ha previsto, tuttavia, un programma di riduzione progressiva del cuneo fiscale, con il taglio delle tasse che appesantiscono la busta paga dei lavoratori.

Non è ancora chiaro, però, in cosa consisterà effettivamente, dato che la manovra ha rinviato la definizione degli aspetti operativi del taglio del cuneo a un successivo decreto fiscale attuativo, non ancora emanato, che dovrà stabilire, tra le altre cose, i limiti di reddito e l'effettivo importo del beneficio.

Leggi Manovra 2020: cosa contiene

Cuneo fiscale 2020

In attesa del decreto attuativo, con riferimento al taglio del cuneo fiscale previsto per il 2020, si ipotizza che lo stesso dovrebbe interessare i lavoratori dipendenti i cui redditi non superano i 35mila euro annui, con esclusione di quelli che hanno redditi fino a 8mila euro l'anno e che quindi rientrano nella cd. no tax area.

Andando più nel dettaglio, per ora si vocifera che per coloro che guadagnano da 15.000 a 26.600 euro il bonus Renzi da 80 euro dovrebbe trasformarsi in una detrazione fiscale e che questo dovrebbe estendersi, sempre sotto forma di detrazione, anche a coloro che guadagnano da 26.600 a 35.000 euro.

Leggi Arriva il bonus busta paga

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(10/01/2020 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Taser a tutte le forze dell'ordine
» Stop chiamate call center anche sui cellulari

Newsletter f t in Rss