Nel mirino dell'Autorità di regolazione dei trasporti 15 società di servizi ferroviari. Ci sono anche Trenitalia e Trenord
donna che tiene una sveglia che si dissolve per via del tempo

di Redazione - In arrivo multe fino al 10% del fatturato per le società di trasporto ferroviario che non indennizzano i passeggeri per i disservizi. L'autorità di regolazione dei trasporti, infatti, ha avviato procedimenti sanzionatori nei confronti di 15 società di servizi ferroviari e di gestione delle stazioni per il mancato adeguamento delle carte dei servizi alla disciplina dell'autorità (delibera n. 106/2018) in materia di indennizzi. Tra le società coinvolte anche Trenitalia e Trenord.

Mancato adeguamento disciplina indennizzi

[Torna su]

L'avvio dei procedimenti sanzionatori nei confronti delle 15 società, informa l'Art in una nota ufficiale, riguarda "i diritti dei passeggeri ed in particolare quelli con mobilità ridotta, in materia di abbonamenti e più in generale - le - tempistiche massime per il riconoscimento del diritto all'indennizzo".

La procedura prende le mosse dopo la verifica a campione "delle carte dei servizi e delle condizioni generali di trasporto pubblicate sui siti web delle Società e tramite la diretta interlocuzione con i gestori dei servizi ferroviari e quelli delle infrastrutture, tutti tenuti ad adeguarsi alla regolazione dell'Autorità".

Diritto all'indennizzo in caso di disservizio

[Torna su]

L'intervento dell'Autorità enuncia il contenuto minimo degli specifici diritti che gli utenti dei servizi di trasporto per ferrovia connotati da oneri di servizio pubblico possono esigere nei confronti dei gestori dei servizi e delle infrastrutture ferroviarie, in particolare del diritto all'indennizzo in caso di disservizio.

Le multe

[Torna su]

All'esito di ogni singolo procedimento, informa infine l'Art, "potrà essere irrogata una sanzione amministrativa pecuniaria fino ad un importo pari al 10% del fatturato della società interessata".

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: